COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Esame del paratormone, quando e perché può essere utile

Il paratormone è un ormone che viene prodotto da quattro ghiandoline localizzate dietro la tiroide, nel collo. È un ormone importante perché ha il compito di mantenere costanti i livelli di calcio circolanti. Ma perché il calcio è così fondamentale per il nostro organismo? E quando è necessario valutare il livello di paratormone nel sangue? Ne parliamo con il dottor Andrea Lania, responsabile di Endocrinologia di Humanitas.

Perché il calcio è importante per il nostro organismo?

“Oltre a contribuire al mantenimento di un osso in buone condizioni di salute, il calcio è importante per una serie di funzioni biologiche come la trasmissione degli impulsi nervosi, la contrazione muscolare, la secrezione ormonale e alcune reazioni chimiche ed enzimatiche.
Quindi è importante che nel nostro organismo i livelli di calcio siano costantemente mantenuti in un ristrettissimo range di norma”.

Quando e perché viene utilizzato l’esame per valutare il paratormone?

“La sola determinazione del PTH non è in alcun modo sufficiente per fare diagnosi di malattia. In qualunque condizione clinica si trovi il paziente, è infatti fondamentale associare questo test ad altri esami, e in particolare la determinazione dei livelli circolanti di calcio, fosforo e vitamina D.
Questa serie di esami è utile in tutte quelle condizioni in cui vi siano segni o sintomi suggestivi per un alterato metabolismo del calcio, per esempio nelle donne in post-menopausa con un quadro di osteopenia o di osteoporosi, o in seguito a riscontro incidentale di alterati livelli di calcio”.

In cosa consiste l’esame?

“Si tratta di un semplice prelievo di sangue su cui vengono valutati i livelli di paratormone, la calcemia, la fosforemia e i livelli di vitamina D”.

A quali eventuali malattie è associato questo esame?

“L’esame viene in genere eseguito in presenza di patologie importanti quali l’iperparatiroidismo primitivo, condizione in cui a elevati livelli di paratormone corrispondono elevati livelli di calcio circolante. Viene inoltre effettuato in caso di iperparatiroidismo secondario, condizione in cui, a fronte di un paratormone elevato, sono presenti livelli normali di calcio nel sangue: questa è una situazione legata o a una carenza di vitamina D o a insufficienza renale cronica.
Questo parametro può essere utile anche nei casi di ipocalcemia, ossia qualora si sospetti un malfunzionamento delle paratiroidi, e quindi ridotti livelli di paratormone circolanti, soprattutto nei pazienti sottoposti a intervento chirurgico a livello tiroideo”.

Che cosa succede se l’esame è stato effettuato nell’ultimo anno o si teme di aver effettuato il test sbagliato?

“Innanzitutto è bene ribadire che eventuali errori del test (sovrastime) non pregiudicano la salute del paziente e che il test non è comunque mai determinante di per sé per la diagnosi e terapia, dal momento che va interpretato alla luce della situazione clinica del paziente e associato ad altri parametri clinici e di laboratorio.
Detto questo, per interpretare correttamente qualunque tipo di dati clinici, non solo questo test, è importante rivolgersi al proprio medico curante o eventualmente allo specialista di fiducia (endocrinologo, reumatologo, ortopedico o nefrologo). E’ bene quindi valutare con il proprio medico se sia o meno il caso di ripetere l’esame”.

Per maggiori informazioni è possibile contattare un numero dedicato: 02 8224 6203.

Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici