COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Occhi rossi: quali possono essere le cause?

I cosiddetti “occhi rossi”, o iperemia congiuntivale, sono un disturbo oculare molto comune, che dipende da una dilatazione dei vasi sanguigni, a causa di irritazioni o infezioni.

La maggior parte delle volte, le patologie che determinano l’iperemia congiuntivale sono facilmente diagnosticabili e si risolvono in un tempo relativamente breve, in altri casi l’arrossamento oculare può dipendere da lesioni, traumi o corpi estranei presenti nell’occhio e, più raramente, segnalare diverse patologie anche gravi come: attacco acuto di glaucoma, uveite, cheratite, scleriti.

Quali sono le patologie che determinano l’arrossamento dei nostri occhi e quali i tessuti che formano l’anatomia dell’occhio che possono irritarsi o infiammarsi? Approfondiamo l’argomento con il professor Paolo Vinciguerra, direttore del Centro Oculistico di Humanitas e professore ordinario di Humanitas University.

Occhi rossi: come prevenirli e quando rivolgersi alloculista

La diversa gravità e severità delle cause che determinano l’iperemia congiuntivale rende necessaria una diagnosi specialistica, necessaria per distinguere tra patologie più o meno gravi. Come indicazione generale, però, bisogna porre l’attenzione sull’igiene perioculare, che aiuta a evitare le irritazioni più comuni. È dunque sconsigliato toccare spesso i propri occhi e applicare le lenti a contatto senza una adeguata formazione sull’igiene delle stesse, delle correte modalità di applicazione e dei giusto tempo di applicazione, mentre può essere utile lavarsi spesso le mani, per evitare la trasmissione di batteri e sostanze irritanti, e, in presenza di un iniziale arrossamento, effettuare una detersione della zona perioculare con apposite salviette disinfettanti sterili, facilmente reperibili in farmacia.

Sclerite o episclerite

Le scleriti sono quelle infiammazioni che interessano la sclera, la membrana esterna e biancastra dei nostri occhi. In caso di sclerite l’occhio risulta alla vista particolarmente rosso ed è dolente al tatto. Per risolverla il medico può prescrivere semplicemente una terapia sistemica o combinarla con un trattamento topico. In caso di episclerite, invece, l’infiammazione riguarda solo la superficie esterna dell’occhio e dipende spesso da patologie sistemiche, come la gotta o le collagenopatie. Per questo motivo, per quei pazienti che presentano fattori di rischio, si tende a optare per un percorso di prevenzione e a trattare principalmente la malattia alla base del disturbo.

Quando la sclerite è lieve per risolvere l’arrossamento è sufficiente utilizzare sostituti lacrimali con acido ialuronico e aminoacidi. Le condizioni più aggressive, invece, richiedono terapie topiche a base di corticosteroidi con basso assorbimento sistemico. In tal caso, però, è necessario seguire attentamente le prescrizioni mediche, perché i corticosteroidi possono ostacolare il trattamento della patologia sistemica di base.

Congiuntivite: allergica, da contatto o batterica

Con congiuntivite intendiamo quell’infiammazione che coinvolge la congiuntiva ossia il tessuto che ricopre l’interno delle palpebre e la parte anteriore del bulbo oculare. Si tratta di una mucosa densamente irrorata da vasi sanguigni, che possono dilatarsi a causa di una reazione allergica, per il contatto con agenti irritanti esterni o causa della trasmissione di batteri o virus

La congiuntivite presenta anche sintomi oculari, come prurito, spesso associato alle allergie, bruciore, in caso di secchezza, oppure secrezioni prevalentemente catarrali, quando l’origine della congiuntivite è batterica, sierose se virali. Per questo motivo è opportuno prenotare un consulto medico: lo specialista diagnosticherà la causa della congiuntivite attraverso l’anamnesi dei sintomi e l’analisi al microscopio e imposterà la terapia adeguata. Abitualmente per risolvere la congiuntivite si utilizzano colliri antistaminici, sostituti lacrimali e, in caso di congiuntivite batterica, antibiotici.

Un’altra patologia che può interessare la congiuntiva è l’emorragia sottocongiuntivale, che si verifica quando si rompe uno dei vasi sanguigni che la irrorano. Si tratta di un disturbo che tende a risolversi autonomamente in un paio di settimane ma, se si verifica in maniera ricorrente, il medico potrebbe ritenere necessario richiedere test ematochimici e una visita di controllo cardiologica o internistica.

Pterigio e pinguecula: due disturbi della congiuntiva

Quando si parla di pterigio si intende una membrana fibrosa che si forma sulla congiuntiva e sulla cornea, a partire dall’interno dell’occhio, e che provoca un arrossamento oculare. Un disturbo analogo è rappresentato dalla pinguecula, che invece si manifesta come un ispessimento della congiuntiva del bulbo oculare. 

Entrambe le problematiche si trattano con colliri antinfiammatori o cortisonici, prescritti esclusivamente dallo specialista oculista, mentre nei casi più severi può essere necessario ricorrere alla chirurgia per rimuovere la membrana. In ogni caso è consigliato utilizzare occhiali da sole per proteggere l’occhio e lacrime artificiali per diminuire l’attrito provocato dallo scorrere della palpebra sulla superficie congiuntivale.

Blefarite: una patologia di origine batterica

In presenza di congiuntivite il margine della palpebra si infiamma e si gonfia: potremmo trovarci di fronte a blefarite. La blefarite origina dalle ghiandole presenti in corrispondenza delle ciglia, deputate alla secrezione di un liquido ricco di grassi. Quando la secrezione si altera si verifica una sintomatologia che comprende rossore e gonfiore alla palpebra, prurito e formazione di tessuto squamoso. 

La causa principale della blefarite è rappresentata dalle infezioni batteriche e nel caso di infiammazione acuta parliamo di calazio, mentre se a essere infiammato è un unico follicolo si tratta di orzaiolo. In caso di blefarite è fondamentale trattare l’occhio infiammato con salviette oculari e prodotti oftalmici disinfettati ed emollienti, spesso venuti in forma di spray, mentre per risolvere l’infezione batterica sono necessari colliri antibiotici e pomate che possono associarsi a colliri antidolorifici e antinfiammatori.

Ectropion ed entropion: due disturbi delle palpebre

Ectropion ed entropion sono altri due disturbi che interessano le palpebre: nel primo caso il margine palpebrale si rovescia verso l’esterno, nel secondo verso l’interno, provocando l’arrossamento dell’occhio. Il trattamento di queste due condizioni prevede l’utilizzo di colliri cortisonici, antinfiammatori o lubrificanti, utili a alleviare la sintomatologia dolorosa. Ma quando l’infiammazione si ripropone in maniera ricorrente diventa opportuno intervenire chirurgicamente per risolvere il problema.

Cheratite: uninfiammazione della cornea

La cornea è quella membrana trasparente che copre la pupilla e l’iride sulla parte anteriore del bulbo oculare. Quando la cornea è infiammata, per esempio a causa di virus, come l’Herpes simplex, batteri o funghi, ma anche per secchezza oculare o uso scorretto di lenti a contatto, si verifica la cheratite. L’arrossamento, però, potrebbe essere causato anche da abrasione corneale, una lesione piuttosto severa che si verifica in caso di graffi alla cornea, o ulcera corneale

È dunque opportuno fare riferimento all’oculista per stabilire una diagnosi e impostare la terapia più corretta, che può comprendere l’utilizzo di colliri e, in determinati casi, un bendaggio oculare da mantenere per qualche giorno.

Uveite anteriore: dolore intenso e intolleranza alla luce

L’uveite si verifica in caso di infiammazione dell’uvea, tessuto altamente vascolarizzato che circonda la pupilla. Anche in questo caso la sintomatologia comprende l’arrossamento oculare, che è però accompagnato da altri sintomi come l’intolleranza alla luce, il dolore e una lacrimazione intensa. 

L’uveite è una patologia tipica dei Paesi industrializzati e può essere infiammatoria o autoimmune, più rara, nel nostro Paese, quella infettiva.
Anche in questo caso, dunque, è particolarmente importante la fase diagnostica, che consentirà allo specialista di valutare il trattamento più adatto per controllare l’infiammazione oculare che può comportare l’utilizzo di colliri antibiotici, cortisonici o midriatici cicloplegici, la cui azione, anche combinata, è utile per attenuare la sintomatologia dolorosa. 

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici