COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Obesità: quando si può ricorrere a un intervento di chirurgia bariatrica?

Quando parliamo di chirurgia bariatrica intendiamo un insieme di interventi fondamentali per i pazienti obesi, sia per eliminare l’eccesso di tessuto adiposo, sia per prevenire o curare le patologie associate all’obesità. Se, infatti, sono possibili varie terapie per combattere una situazione di sovrappeso, quando si deve far fronte a un’obesità importante, di 2° o 3° grado, l’unica soluzione è la chirurgia bariatrica.

L’obesità è una patologia provocata dall’aumento del tessuto adiposo, che accorcia l’attesa di vita e ne peggiora la qualità, poiché si associa a diverse malattie, di tipo metabolico (diabete tipo 2, colesterolo e trigliceridi elevati), tumorale, e a carico dell’apparato cardiovascolare e respiratorio. 

Approfondiamo l’argomento con il dottor Giuseppe Marinari, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Bariatrica in Humanitas. 

Chirurgia bariatrica: gli interventi

La chirurgia bariatrica comprende tutti quegli interventi chirurgici mirati alla riduzione del peso in chi soffre di obesità, e alla cura delle malattie a essa associate.  

Sono interventi mini-invasivi, che si svolgono in laparoscopia: la laparoscopia, unita a una gestione del periodo perioperatorio moderna ed efficace, consente al paziente di beneficiare di una ripresa più veloce, una breve degenza in ospedale e una riduzione del dolore post-operatorio. A seguito di un intervento di chirurgia bariatrica il paziente deve seguire un lungo percorso di follow-up, per garantire il buon esito dell’intervento attraverso il mantenimento del peso e la riduzione dei possibili effetti collaterali delle procedure bariatriche.

La chirurgia bariatrica procura in media un calo ponderale del 70% dei chili in eccesso, ma il calo può variare in relazione all’età, alla statura, al genere e alla storia clinica del paziente. 

Sleeve gastrectomy e bypass gastrico

Gli interventi bariatrici validati a livello internazionale sono quattro, ma due da soli (Sleeve Gastrectomy e Bypass Gastrico) rappresentano più dell’80% delle procedure eseguite sia nel mondo sia presso il nostro centro. Vi sono poi altre procedure che sono state eseguite più facilmente in passato ma ormai quasi in disuso, quali il bendaggio gastrico e la diversione biliopancreatica. 

La sleeve gastrectomy comporta una resezione verticale di una parte significativa dello stomaco. Riduce il senso di fame e aumenta la sensazione di sazietà, perciò le persone operate perdono peso perchè mangiano poco, ma lo fanno spontaneamente, senza fatica. Nel lungo termine è una procedura molto ben tollerata. 

Il bypass gastrico è un intervento praticato da ormai più di 50 anni.  Si perde peso anche in questo caso per ridotta fame e aumentata sazietà, è associata però anche una componente di ridotto assorbimento intestinale. Il bypass gastrico trova particolare indicazione in caso di diabete tipo 2 in stadio avanzato e in caso di severo reflusso gastroesofageo. 

Per quanto riguarda gli interventi ormai meno comuni, il bendaggio gastrico comporta la collocazione di un anello di silicone intorno alla parte alta dello stomaco. E’ un intervento a rischio minore, ma la sua poca efficacia, insieme all’alta percentuale di secondi interventi (per fallimento o per effetti collaterali) lo fanno apprezzare poco sia dai pazienti sia dai chirurghi. 

La diversione biliopancreatica, per contro, è un intervento particolarmente efficace ma altresì complesso e presenta un alto rischio di effetti collaterali. Per questo, nonostante venga praticato dal 1976, si riserva solamente a casi molto particolari, valutati attentamente dallo specialista.

Malattie cardiovascolari, insufficienza respiratoria e tumore: le comorbidità dell’obesità

Il fine della chirurgia bariatrica è duplice: perdita di peso e risoluzione o prevenzione di gravi comorbidità, a lungo termine anche fatali, che l’obesità comporta. L’eccesso di peso, infatti, è la seconda causa di morte nel nostro Paese dopo il fumo. Sono numerosi ormai gli studi internazionali che mostrano una diminuzione del 50% della mortalità nei pazienti affetti da obesità operati di chirurgia bariatrica rispetto ai pazienti affetti da obesità e non operati. 

L’obesità può comportare l’insorgenza di patologie come il diabete mellito di tipo 2, l’ipertensione arteriosa, l’aumento di colesterolo e trigliceridi nel sangue, le apnee notturne. Questi disturbi, sia singolarmente sia uniti e potenziandosi uno con l’altro, possono essere causa di infarto, ictus ed embolia polmonare. 

L’obesità è anche fattore di rischio per l’insufficienza respiratoria, l’osteoartrite e tumori come quelli della mammella, dell’utero, del colon, del pancreas e del fegato.

Chirurgia bariatrica: quando sceglierla?

La chirurgia bariatrica è un’opzione indicata per tutti quei pazienti di età compresa tra i 18 e i 65 anni, affetti da obesità di secondo grado (Indice di Massa Corporea o BMI uguale o superiore a 35) con malattie associate, come il diabete di tipo 2, l’ipertensione arteriosa, le apnee notturne, la dislipidemia, l’osteoartrite o pregressi eventi cardiovascolari, oppure  di terzo grado (Indice di Massa Corporea o BMI uguale o superiore a 40) anche senza malattie associate.  

Per chi avesse dubbi sul proprio Indice di Massa Corporea, questo si calcola dividendo il peso in chili per la statura in metri elevata al quadrato: per fare un esempio, un soggetto che pesi 120 kg e sia alto 1,7 m, avrà un BMI di 41,5 (120 / 1,702). Ma se si nutrissero dei dubbi su Internet si possono trovare facilmente calcolatori automatici di BMI.

Esistono anche delle controindicazioni: la chirurgia bariatrica non può essere applicata in assenza di precedenti tentativi conservativi (dieta seguita da specialista), e in caso di impossibilità a collaborare nel follow-up per la migliore riuscita dell’intervento: gli interventi bariatrici non sono quindi consigliati a chi soffra di alcolismo, tossicodipendenza, bulimia nervosa o psicosi scompensata.

Sovrappeso, prevenzione e farmaci

I pazienti sovrappeso devono porre particolare attenzione a prevenire l’obesità, mettendo in atto una serie di strategie e regole di salute. In primis è fondamentale che chi presenta un eccesso di peso modifichi lo stile di vita, assicurandosi di svolgere attività fisica regolarmente e di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata

Esistono oggi dei farmaci iniettivi (liraglutide e semaglutide), nati inizialmente per la terapia del diabete ma che hanno un potente effetto anti-fame, che sono in grado di fare perdere dai 10 ai 20 chili di peso senza provocare ipoglicemia (come invece può fare l’insulina e altri farmaci anti diabete). Il loro uso può essere di grande aiuto nei soggetti sovrappeso nella prevenzione dell’obesità: naturalmente la prescrizione di questi farmaci deve avvenire all’interno di una dieta. 

Specialista in Chirurgia Generale
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici