COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Malattie cardiovascolari: i fattori di rischio e la prevenzione

Le malattie cardiovascolari interessano il cuore e i vasi sanguigni e rappresentano una delle principali cause di morte nel nostro Paese.

Sono un gruppo di patologie definite “multifattoriali” perché i fattori di rischio ad esse associate sono diversi, alcuni modificabili mediante interventi di educazione o terapia farmacologica specifica.

Diversi studi evidenziano che in assenza o l’eliminazione di alcuni fattori di rischio tra i 35 e i 50 anni, si può significativamente ridurre la probabilità di sviluppare queste malattie.

Quali sono i fattori di rischio cardiovascolare e come prevenire le malattie cardiovascolari?

Ne parliamo con la dottoressa Tiziana Anita Ammaturo, cardiologa presso l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano e i centri medici Humanitas Medical Care.

Malattie cardiovascolari: i fattori di rischio

Le malattie cardiovascolari possono essere congenite, se presenti dalla nascita, oppure acquisite, se si manifestano nel corso della vita.

I fattori di rischio possono essere:

Modificabili se, attraverso comportamenti consapevoli, come la correzione di alcune abitudini di vita anche con il supporto di professionisti, possono essere controllati o gestiti.

Ne sono un esempio:

Non modificabili: se non si possono modificare come

  • familiarità;
  • età;
  • etnia;
  • sesso.

La presenza combinata di uno o più di questi elementi può aumentare il rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare.

Alcuni comportamenti possono dunque aumentare il rischio di malattie cardiache:

  • una dieta ricca di calorie e grassi saturi può comportare un aumento dei livelli di colesterolo e altri grassi nel sangue, con conseguente maggiore probabilità di sviluppare aterosclerosi e quindi patologie cardiovascolari. Inoltre, troppo sale (sodio) nella dieta può favorire l’aumento dei valori pressori.
  • la sedentarietà e la mancanza di attività fisica favoriscono la comparsa di altri fattori di rischio come obesità, pressione alta, livelli elevati di colesterolo e diabete, che aumentano la probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari.
  • l’alcol, il cui consumo eccessivo può alzare i livelli della pressione arteriosa e aumentare il rischio di malattie cardiache.
  • il fumo può danneggiare il cuore e i vasi sanguigni, con conseguente rischio di ictus, infarto miocardico, o altre patologie cardiovascolari.

Come prevenire le malattie cardiovascolari

Un’alimentazione sana ed equilibrata aiuta a mantenere nella norma peso corporeo, livello di colesterolo e pressione arteriosa. La dieta mediterranea è l’ideale perché ricca di verdura, frutta, cereali, pesce, con un consumo ridotto di carni rosse e insaccati e, generalmente, di grassi saturi, con una marcata riduzione di fritture e zuccheri, prediligendo l’olio d’oliva come condimento principale.

Dedicare del tempo all’attività fisica è importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Mezz’ora di attività moderata al giorno, come una camminata veloce, ciclismo o nuoto (in base all’età e alla tollerabilità individuale), aiutano a diminuire le probabilità di sviluppare una patologia cardiovascolare.

Evitare fumo, bevande alcoliche e sostanze stupefacenti e moderare l’assunzione di caffeina, sono scelte fondamentali per ridurre il rischio.

Malattie cardiovascolari e prevenzione: quali esami fare?

Anche se non si avvertono disturbi o segnali di allarme, anche in assenza di fattori di rischio, è opportuno effettuare una prima visita cardiologica dopo aver superato i 40 anni, così da comprendere il proprio quadro di rischio cardiovascolare.

È importante monitorare regolarmente la pressione sanguigna e il battito cardiaco.

Gli esami del sangue raccomandati (per gli uomini oltre i 35 anni e per le donne oltre i 45), includono analisi di routine ed esami più specifici:

Infatti, i soggetti con diabete mellito ed alti valori nel sangue di colesterolo e trigliceridi, presentano un rischio elevato di sviluppare problemi cardiovascolari.

Nelle persone ad alto rischio è fondamentale l’identificazione precoce e la correzione delle cause, attraverso uno screening approfondito nel corso delle visite di controllo con la prima raccolta di dati (anamnesi), le analisi del sangue e un’eventuale terapia farmacologica.

Per quanto riguarda la prevenzione secondaria, ovvero quella rivolta a coloro che hanno già avuto episodi di infarto o altri eventi cardiaci, occorre controllare i fattori di rischio, proseguire, secondo le indicazioni ricevute, la terapia farmacologica ed effettuare regolari controlli clinici e strumentali.

Malattie cardiovascolari: i sintomi

È essenziale consultare un cardiologo in seguito alla comparsa di sintomi come:

  • palpitazioni e tachicardia – ritmo cardiaco irregolare o accelerato;
  • dolore al torace o dietro le scapole;
  • capogiri;
  • perdita di coscienza rapida e inaspettata, nota come sincope;
  • dispnea (difficoltà respiratoria senza un’apparente causa fisica o quando si è distesi);
  • diminuzione della resistenza fisica, con affaticamento anche dopo azioni precedentemente tollerate.
Specialista in Cardiologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici