COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Fibrillazione atriale, può essere generata da stress ed emotività?

La fibrillazione atriale può essere condizionata da fattori che coinvolgono il nostro organismo sia dal punto di vista fisico sia da quello mentale, aspetti che analizziamo insieme al dottor Maurizio Gasparini, Responsabile di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione di Humanitas.

A quali condizioni generali del nostro organismo può essere associata la fibrillazione atriale?

“La fibrillazione atriale è generalmente associata a un calo della forza, della resistenza, in certi casi anche a un calo della prestazione generale. Un po’ meno a una diminuzione dell’appetito, che può comunque presentarsi nei casi in cui la fibrillazione sia tale da generare nel paziente uno stato di intenso malessere”.

L’emotività può incidere sulla comparsa della fibrillazione atriale?

“Sì, durante fasi di particolare stress emotivo può esserci comparsa di fibrillazione atriale. Inoltre, un paziente costantemente fibrillante quando è sottoposto a stress fisico ed emotivo può avere una brusca accelerazione della fibrillazione atriale passando nel giro di pochi secondi da 70/80 battiti al minuto a una frequenza cardiaca che raggiunge anche i 130/140 battiti. Un cambiamento che viene avvertito, ovviamente, in maniera piuttosto sgradevole e che va sottoposto all’attenzione di uno specialista”.

Specialista in Cardiologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici