COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Uomini e donne hanno un cuore diverso: l’importanza di una prevenzione di genere

Il cuore di uomini e donne è diverso, ma non tutti lo sanno.

La cardiologa Patrizia Presbitero, senior consultant di Cardiologia clinica e interventistica di Humanitas, mette in guardia in un’intervista a La Repubblica, augurandosi che si diffonda sempre di più una cultura e una prevenzione basata sulle differenze di genere.

Dai fattori di rischio, ai sintomi, alle cure: sono queste le principali diversità da tenere in considerazione. 

“Nelle donne la malattia si manifesta con dieci anni di ritardo rispetto agli uomini e dà segnali differenti: il cuore delle donne è più suscettibile alle scariche adrenergiche provocate dalle forti emozioni, ad esempio” e “nell’infarto non compaiono i tipici segnali riportati dagli uomini” , ha detto la cardiologa. Inoltre “fino a quando non subentra la menopausa ha una specie di ombrello ormonale che la protegge”.

Terapie meno efficaci sulle donne, perché?

Innanzitutto bisogna ricordare che molte delle terapie per i disturbi cardiaci erano ‘standardizzate’ sul corpo degli uomini, inoltre “è dimostrato che le donne vengono trattate in tempi più lunghi” e spesso le donne “sono meno tempestive nel presentarsi al pronto soccorso” mentre è “fondamentale lavorare sulla tempestività”.

Lavorare sul ‘gender gap’

Negli anni “sono stati fatti passi avanti e ancora si lavora per colmare questo gap di cura tra uomini e donne colpiti da infarto”, ha detto ancora la dottoressa Presbitero. Le donne purtroppo pagano un duplice prezzo”: oltre ad avere sintomi diversi, si ammalano in età più avanzata “rendendo più difficile il successo della terapia”.

Fonte: l’articolo è tratto da un’intervista della dottoressa Patrizia Presbitero al quotidiano La Repubblica, 21/08/2019.
Specialista in Cardiologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici