COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Tumori del timo: gli eventi dedicati a oncologi e pazienti

I tumori epiteliali del timo sono tumori maligni rari, che si sviluppano a livello del timo, una ghiandola di piccole dimensioni posta dietro lo sterno.

A livello internazionale, maggio è il mese dedicato alla sensibilizzazione sulle neoplasie timiche (TNAM -Thymic Malignancy Awareness Month). Ne parliamo con il prof. Paolo Andrea Zucali, Professore Associato in Oncologia presso Humanitas University e Responsabile di Unità Semplice per la cura dei tumori rari del torace e delle neoplasie urologiche presso il Dipartimento di Oncologia Medica dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. 

Tumori del timo: un network dedicato 

I tumori epiteliali del timo hanno un’incidenza cumulativa di 1,3-3,2 casi/1.000.000, cioè circa 230 nuovi casi all’anno in Italia. La diagnosi e il trattamento dei tumori epiteliali del timo richiedono pertanto la presa in carico da parte di Centri con un team multidisciplinare che abbia una consolidata esperienza nella gestione di tali neoplasie. 

Inoltre, la rarità dei tumori del timo ostacola la conduzione di sperimentazioni cliniche e di ricerche traslazionali (“from bench to bedside”, ovvero “dal laboratorio al letto del paziente”): pertanto risulta complesso riuscire a produrre evidenze scientifiche solide a supporto delle strategie terapeutiche da seguire. Di conseguenza, la complessità e l’estrema rarità dei tumori epiteliali del timo implicano spesso standard di cura disuguali e mancanza di linee guida condivise. Ciò aggrava il problema del difficile accesso a cure di alta qualità, che è una preoccupazione comune per i pazienti affetti da neoplasie timiche. 

Tutte queste considerazioni hanno spinto alcuni professionisti dedicati a questa patologia a creare un network su scala nazionale per promuovere la collaborazione tra i Centri con specifiche competenze multidisciplinari sui tumori epiteliali del timo. Il network TYME (ThyYmic MalignasiEs) è stato fondato nel 2014. 

Gli obiettivi di TYME includono:

  • miglioramento e standardizzazione degli standard terapeutici;
  • condivisione dei principi di trattamento e linee guida;
  • sostegno alla ricerca sia a livello nazionale che internazionale;
  • collaborazione con l’associazione dei pazienti affetti da tumori rari del torace (TUTOR). 

Il network TYME è entrato a far parte della rete di riferimento europea per i tumori rari del torace (EURACAN ERN). Le ERN mirano a creare collaborazioni tra centri di eccellenza europei per la condivisione di conoscenze e coordinamento delle cure per le malattie rare. 

Gli eventi per oncologi e pazienti 

In occasione del mese di maggio, il network TYME ha promosso tre eventi che si terranno online. 

  1. Il primo, organizzato dall’Associazione Italiana Oncologia Medica (AIOM) e rivolto a un pubblico specialistico, si terrà mercoledì 10 maggio, con un focus su chirurgia e radioterapia e sul lavoro portato avanti da TYME (gli specialisti che volessero partecipare all’incontro possono iscriversi qui). 
  2. Il secondo, organizzato dall’associazione TUTOR, E-PAG (European Patient Advocate Group) in EURACAN ERN, è un webinar in lingua inglese per pazienti europei dal titolo “Tell me your story: Patients and physicians open dialogue on shared experiences”, con professionisti europei esperti nella patologia timica e afferenti a EURACAN ERN, e si terrà sempre in data 10 maggio. L’incontro è volto a evidenziare le esperienze personali dei pazienti e a fornirgli le informazioni necessarie per una gestione consapevole della malattia. Le persone interessate da tumori del timo, infatti, si scontrano spesso con una carenza di informazioni circa la patologia e i centri a essa dedicati, nonché con ritardi nella diagnosi e accesso limitato ai trattamenti (è possibile registrarsi all’evento cliccando qui). 
  3. Il terzo, dal titolo “Tumori epiteliali del timo: il network TYME e l’importanza di un approccio multidisciplinare” organizzato dai centri del network TYME, sarà sempre rivolto ai pazienti affetti da tale patologia e ai loro familiari, si terrà in data 26 maggio. Lo scopo è condividere insieme ai pazienti e ai loro familiari l’organizzazione, il ruolo e gli obiettivi del network TYME e dell’associazione dei pazienti affetti da tumori rari del torace (TUTOR), e di presentare l’importanza di un approccio multidisciplinare per la gestione delle neoplasia timiche.

Gli eventi vedranno il coinvolgimento anche dei professionisti di Humanitas Rozzano, uno dei centri fondatori del network TYME, con la partecipazione del dottor Paolo Andrea Zucali, Professore Associato in Oncologia presso Humanitas University e Responsabile di Unità Semplice per la cura dei tumori rari del torace e delle neoplasie urologiche presso il Dipartimento di Oncologia Medica dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano e del dottor Davide Franceschini, Radioterapista Oncologo, presso il Dipartimento di Radioterapia dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. 

La complessità di queste patologie, le difficoltà che comporta il percorso diagnostico e la necessità di intervenire tempestivamente con la terapia, spesso chirurgica, rendono cruciale l’approccio multidisciplinare. In ogni centro TYME, e quindi anche in Humanitas Rozzano, opera un team composto da specialisti afferenti a diverse Unità: oncologi, chirurghi, radiologi, radioterapisti, medici nucleari radiologi e neurologi che uniscono le loro competenze per trovare il percorso più adatto per ogni paziente.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici