COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Screening del tumore al polmone, si lavora per la pianificazione a livello europeo

Lo scorso 28 marzo si è svolta a Bruxelles l’annuale conferenza dell’EAPM, l’Agenzia Europea per la medicina personalizzata, dal titolo “Innovation, Guidelines and Screening: the case of lung cancer”. Proprio il tumore al polmone, il big killer per eccellenza tra le neoplasie, è stato al centro della discussione.

È emerso come sia necessario pianificare uno screening a livello europeo per il tumore al polmone, ma che per farlo occorre avere una stima dei costi, delle risorse e dei rischi, mentre le prove di efficacia sono state considerate soddisfacenti.

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Giulia Veronesi, Responsabile della sezione di Chirurgia robotica nell’ambito della Chirurgia Toracica in Humanitas, relatrice all’incontro.

L’importanza dello screening

Quella nei confronti del tumore al polmone è una lotta importantissima, parliamo infatti di una neoplasia “che ha ancora una tra le maggiori incidenze e la maggior mortalità. Si pensi che il tumore al polmone fa più vittime del tumore della prostata, del colon e della mammella messi insieme.

La comunità scientifica è concorde sul fatto che l’efficacia di questo screening – attraverso la TC a basso dosaggionon sia discutibile. Non servono ulteriori studi, anche se siamo in attesa dei risultati di uno studio europeo (Nelson) che potranno o aumentare l’evidenza di questa efficacia oppure essere meno forti dei dati americani. Qualora lo fossero però, non avrebbero la forza statistica di inficiare comunque i risultati ottenuti finora”, spiega la dottoressa.

I prossimi passi

“La Commissione Salute del Parlamento Europeo si è riunita per parlare di screening lo scorso dicembre, ma non ha ancora prodotto le raccomandazioni per il tumore al polmone. Per farlo, occorre prima una valutazione dell’impatto economico e un’analisi di fattibilità a livello europeo. Se da un lato abbiamo le linee guida (redatte da diverse Società europee), dobbiamo ancora lavorare sull’applicabilità sul territorio.

Prevediamo di organizzare quindi una Consensus Conference per definire in dettaglio gli aspetti organizzativi a livello dei vari Paesi membri, coinvolgendo anche esperti di Health Economics, che possano aiutarci dal punto di vista della previsione dell’impatto economico”, conclude la dottoressa Veronesi.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici