COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+390282246280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

TAC

Cos'è la TAC e a cosa serve?

La TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) è una metodica di diagnostica per immagini che sfrutta le radiazioni.

Utilizzata fin dall’inizio degli anni 70, soprattutto come TAC cerebrale (per questa invenzione Hounsfield ottenne il premio Nobel), è in grado di rappresentare il corpo umano in sezioni (tomografia) secondo piani assiali, cioè con tagli trasversali dalla testa ai piedi. Il tubo radiogeno, l’elemento che emette i raggi X, ruota attorno al paziente, che sta sdraiato su un lettino che si muove orizzontalmente (TAC spirale).

In Humanitas si utilizzano macchine a spirale multistrato, che consentono cioè di acquisire contemporaneamente l’immagine di 16 sezioni del corpo per ogni rotazione del tubo radiogeno, che dura mezzo secondo. Si acquisisce quindi l’immagine di volumi cospicui in tempi brevissimi (una TAC del torace o dell’addome può durare poco più 10 secondi). Strati tanto sottili e rappresentati in tempi tanto brevi consentono un dettaglio molto preciso delle immagini acquisite, eliminando i disturbi dovuti ad esempio alle pulsazioni del cuore o alla respirazione. Il computer, inoltre, ricostruisce le immagini in tre dimensioni, in modo istantaneo.

Spesso quando si effettua la TAC si utilizza un mezzo di contrasto iodato per via endovenosa, soprattutto per la TAC dell’addome, del torace, del cuore o dei vasi. In questo caso è necessario il digiuno per qualche ora e vengono solitamente prescritti alcuni esami del sangue, per accertarsi ad esempio che la funzionalità renale sia buona. L’utilizzo del contrasto comporta il rischio, seppur molto basso, di allergie.

A che cosa serve la TAC?

Il campo di applicazione della TAC è molto vasto: si va dal campo neurologico a quello scheletrico, toracico, addominale, oncologico di ogni distretto, ginecologico, vascolare, cardiaco e traumatologico. Con la TAC spirale multistrato si possono visualizzare molto bene non solo gli organi interni del corpo umano, ma anche le arterie e le vene, poiché si possono eliminare gli artefatti da movimento. In questo caso la TAC può sostituire un’angiografia, esame sicuramente più invasivo della TAC.

All’angiografia viene lasciata solo la parte interventistica, cioè terapeutica, come l’angioplastica. Lo stesso discorso, seppure agli inizi, vale per la coronaro-TAC: le coronarie, studiate abitualmente con la coronarografia, possono essere indagate con le nuove TAC a 16 strati, in tempi brevissimi e in modo sincronizzato con l’e lettrocardiogramma, sfruttando dopo l’esame, nella fase di ricostruzione delle immagini, sofisticati programmi di elaborazione. La TAC può a volte essere utilizzata in combinazione con la risonanza magnetica: i due esami forniscono infatti in molti casi informazioni complementari. Molto spesso viene prescritta in seconda battuta dopo l’ecografia, per acquisire ulteriori informazioni utili alla diagnosi.

Poiché la dose di radiazioni emesse dalla macchina può essere in certi casi discretamente alta, è necessaria una certa prudenza, soprattutto nei bambini e nelle donne in età fertile. Per questo motivo la TAC non può e non deve essere considerata uno strumento diagnostico da utilizzare come check-up.