COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Scompenso cardiaco: quali sono i sintomi

Lo scompenso cardiaco (o insufficienza cardiaca), è l’esito di diverse condizioni che mettono a rischio il cuore, quali il colesterolo elevato, il diabete, l’ipertensione e l’aterosclerosi. Lo scompenso cardiaco si verifica quando il cuore non pompa in maniera adeguata e pertanto non garantisce un corretto apporto di sangue all’organismo.

Quali sono i sintomi dello scompenso cardiaco? Ne parliamo con la dottoressa Letizia Bertoldi, cardiologa presso l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas Rozzano e presso i centri medici Humanitas Medical Care.

Scompenso cardiaco: i sintomi

Lo scompenso cardiaco può frequentemente manifestarsi senza sintomi, rendendo difficile una diagnosi in fase iniziale. I sintomi iniziali tendono a essere lievi, come l’affanno in seguito a uno sforzo, ma possono intensificarsi nel tempo, fino a portare alla necessità di un ricovero. 

L’inefficienza del cuore nel pompare il sangue impedisce all’ossigeno di raggiungere organi vitali come reni, cervello e muscoli. Pertanto tra i sintomi troviamo:

  • Dispnea (fiato corto), sia dopo uno sforzo sia a riposo
  • Tosse
  • Debolezza generale (astenia)
  • Gonfiore degli arti inferiori
  • Dolore o gonfiore addominale
  • Mancanza di appetito
  • Confusione mentale.

Quali sono le cause dello scompenso cardiaco?

Lo scompenso cardiaco può essere determinato da una serie di concause che colpiscono il cuore contemporaneamente, come per esempio:

  • malattia coronarica: le arterie che assicurano sangue al cuore si ostruiscono (aterosclerosi) con conseguenti angina o infarto
  • ipertensione (pressione alta)
  • cardiomiopatie
  • aritmie
  • problemi a carico delle valvole cardiache
  • cardiopatie congenite.

Sono considerati fattori di rischio:

  • Fumo
  • Dieta non equilibrata, ricca di grassi e colesterolo cattivo
  • Sedentarietà
  • Eccessivo consumo di alcol.

Come prevenire lo scompenso cardiaco?

Per prevenire lo scompenso cardiaco, è fondamentale adottare uno stile di vita salutare:

  • Praticare regolarmente esercizio fisico e mantenere un peso corretto sono elementi essenziali. Altre abitudini salutari che possono contribuire a minimizzare i rischi includono: evitare il fumo, consumare regolarmente frutta, verdura e pesce, bere caffè con moderazione e limitare l’assunzione di alcol.
  • Mantenere la pressione del sangue sotto controllo: l’ipertensione è un fattore di rischio rilevante per l’insorgenza di scompenso.
  • Tenere sotto controllo la glicemia: il diabete di tipo 2 aumenta il rischio di scompenso, pertanto è opportuno controllare la glicemia attraverso una dieta equilibrata, attività fisica e farmaci (sotto supervisione medica). 
  • Tenere sotto controllo il colesterolo: un suo accumulo nelle arterie che forniscono sangue al cuore, può essere responsabile di attacchi cardiaci che danneggiano il muscolo cardiaco, con conseguente scompenso. Il trattamento medico, una corretta alimentazione e un regolare esercizio fisico, possono ridurre il rischio.
  • In presenza di familiarità per scompenso, effettuare esami di screening e test genetici. La genetica è infatti un elemento da tenere in considerazione in alcune forme di scompenso cardiaco.

Se si sta seguendo un trattamento chemioterapico, è importante chiedere consiglio al medico riguardo la necessità di monitorare la funzione cardiaca.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici