COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Miopia: cause, sintomi e possibilità di cura

Che sia causata da predisposizione genetica o da comportamenti scorretti, la miopia è uno dei difetti alla vista più comuni. Spesso insorge da bambini, magari a causa di sforzi prolungati, come possono essere l’abitudine di leggere con viso molto vicino al testo o con poca luce. 

Ma è possibile prevenire la miopia o, quantomeno, limitarne il peggioramento? E i pazienti possono scegliere alternative più a lungo termine rispetto all’utilizzo quotidiano di occhiali e lenti a contatto?

Approfondiamo l’argomento con il dottor Rosario Urso, oculista in Humanitas.

La miopia: un difetto di rifrazione

Quando si parla di miopia, si intende l’impossibilità di mettere a fuoco gli elementi su cui posiamo lo sguardo che sono posti oltre una certa distanza. Questa condizione è causata da un difetto di rifrazione dell’occhio, per cui l’immagine osservata invece di formarsi sulla retina si forma davanti ad essa. Non a caso, infatti, chi soffre di miopia è dotato di una buona visione da vicino, mentre risultano sfocati gli oggetti lontani. 

La gravità del difetto visivo si misura in diottrie, ossia dei numeri preceduti dal segno meno: gli stessi che troviamo indicati nella prescrizione di un paio di occhiali o delle lenti a contatto. Se la miopia va da 0 a -6 è definita scolare o leggera, mentre se supera le -6 diottrie è considerata grave o patologica e può peggiorare fino a raggiungere il valore di -30 diottrie.

I sintomi e le cause della miopia

Incapacità di vedere gli oggetti lontani, ma anche abitudine a strizzare gli occhi, mal di testa ricorrenti e fastidio di fronte alla luce: questi sono i sintomi più comuni della miopia. Quando insorge in bambini tra i 5 e i 6 anni, si parla di miopia patologica, mentre se insorge in età adolescenziale generalmente non supera le sette diottrie e si stabilizza alla fine dello sviluppo.

La miopia può essere determinata da una predisposizione familiare e, dunque, ripresentarsi di genitore in figlio, ma può anche essere causata da sforzi prolungati: come i lavori di precisione che costringono a tenere per lungo tempo un oggetto dinnanzi agli occhi, o la lettura con luce scarsa.

È possibile prevenire la miopia?

Poiché la miopia può manifestarsi anche per cause genetiche, non è possibile prevenirla del tutto. Ci sono una serie di fattori a cui, però, si può fare attenzione, in modo da ritardarne l’insorgenza o limitarne la gravità. Ai genitori viene dunque raccomandato di sincerarsi che i figli non affatichino gli occhi durante la lettura, per esempio assicurandosi che abbiano un’illuminazione adeguata e che mantengano una distanza di circa 30 centimetri tra il libro e il volto. Anche moderare le ore che i bambini e i ragazzi passano davanti agli schermi è importante.

Si consiglia poi di passare del tempo all’aria aperta, in modo da costringere l’occhio a sfruttare la messa a fuoco da lontano e il campo periferico. In questo modo viene limitata la tendenza degli occhi ad abituarsi alle brevi distanze, che avviene invece quando si passa troppo tempo in ambienti chiusi. 

Curare la miopia: dagli occhiali alla chirurgia 

Il modo più comune di ovviare alla miopia è l’utilizzo di occhiali e lenti a contatto, oggi però abbiamo a disposizione tecniche che possono aiutare a correggere a lungo termine questo difetto visivo. Si tratta della chirurgia refrattiva con laser a eccimeri, che rimodella la curvatura della cornea: un intervento utile non solo per la miopia ma anche per altri difetti come l’astigmatismo e l’ipermetropia. Non tutti però possono essere sottoposti a questo intervento, perciò è necessario valutare se intraprendere questo percorso dopo il consulto con uno specialista.

Un altro metodo per correggere la miopia è l’inserimento permanente di lenti intraoculari. Sono lenti simili a quelle a contatto, introdotte all’interno dell’occhio tramite una microincisione. Anche l’applicazione delle lenti intraoculari non è adatta a tutti i soggetti e per procedere con l’intervento è necessario il consulto di uno specialista.

Specialista in Oftalmologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici