COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Gastroenterite, i sintomi più comuni

La gastroenterite è un’infezione che colpisce l’apparato gastrointestinale, che si manifesta con sintomi molto comuni e che in genere ha una breve durata. Ne ha parlato il professor Silvio Danese, Responsabile del Centro per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali di Humanitas, ospite in studio a Tutta Salute su Rai 3.

“La gastroenterite è un’infezione a cui si associa un’infiammazione, la cui causa può essere virale o batterica. I batteri più frequentemente responsabili sono salmonella, campylobacter e clostridium difficile, mentre i virus più comunemente coinvolti sono rotavirus e norovirus.

Il contagio avviene attraverso le mani e per via orale, e anche mediante cibo contaminato e acqua. Lavare sempre le mani in maniera accurata è fondamentale per la prevenzione”, raccomanda il professore.

I sintomi della gastroenterite

“Questo disturbo può coinvolgere sia lo stomaco sia l’intestino, con i seguenti sintomi: vomito, nausea, diarrea e dolori addominali. Questi sintomi accomunano la quasi totalità dei pazienti, possono poi esserci sintomi variabili, meno comuni, come per esempio la febbricola.

I sintomi hanno esordio improvviso e regrediscono nel giro di qualche giorno: questo è il tratto distintivo della gastroenterite.

Bisogna prestare attenzione quando i sintomi persistono oltre 5-7 giorni, magari con febbre ricorrente. Questo rappresenta un campanello di allarme, soprattutto nei bambini e negli anziani, più suscettibili a complicanze come la disidratazione”, sottolinea il prof. Danese.

Cosa fare?

“Innanzitutto è bene cercare di compensare le perdite bevendo tanta acqua: in presenza di vomito o di diarrea infatti si perdono molti liquidi e la reintroduzione aiuta a riequilibrare. È bene poi non digiunare, ma mangiare in bianco, privilegiando alimenti facilmente digeribili come pane, riso, pesce e carne bianca, mele e pere.

Possono poi essere utili farmaci antiemetici, che riducono il vomito, o quelli che diminuiscono la motilità dell’apparato digerente. In Italia spesso si utilizzano i probiotici, che possono ridurre, in media di un giorno, la diarrea.

Se nel giro di un paio di giorni la situazione non migliora, è consigliabile rivolgersi al medico”, ha concluso lo specialista.

Specialista in Gastroenterologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici