COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Fibrillazione atriale, come si cura?

Con fibrillazione atriale è bene intervenire ai primi sintomi perché, come ricorda il dottor Maurizio Gasparini, responsabile di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione di Humanitas: “Un episodio di fibrillazione trascurato può ripetersi, e può diventare sempre più difficile curare questo disturbo in via definitiva”.

Come si può curare la fibrillazione atriale?

“Anzitutto con una terapia farmacologica, che può essere di due tipologie. La prima è costituita da farmaci antiaritmici che sono in grado di prevenire o correggere l’aritmia. La seconda è una terapia anticoagulante orale che deve essere seguita quando la fibrillazione dura più di due giorni e c’è il serio rischio che si generi un fenomeno embolico. Oggi abbiamo a disposizione nuovi coagulanti orali di facile gestione, che non richiedono l’esecuzione di prelievi del sangue ogni 7/10 giorni, come accadeva in passato”.

Se i farmaci non hanno effetto sulla fibrillazione atriale, come si interviene?

“Se la fibrillazione atriale resiste alle terapie farmacologiche si possono applicare altre opzioni terapeutiche. La prima è quella della cardioversione elettrica, per cui al paziente sedato in anestesia generale viene provocato uno shock a livello del petto, con ripristino immediato del ritmo sinusale. Nel caso in cui anche questo trattamento non sia sufficiente, si procede con l’ablazione della fibrillazione atriale, una terapia più invasiva che viene eseguita dagli elettrofisiologi e dagli aritmologi. In pratica vengono inseriti sondini che, partendo dalle vene femorali, raggiungono la parte del cuore che fibrilla e con questi vengono eseguite delle piccole bruciature volte a isolare le vene polmonari da cui genera la fibrillazione”.

Leggi anche: Fibrillazione atriale, cure sempre più efficaci | Le novità di cura

Specialista in Cardiologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici