COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Donne: lo stress fa male al cuore?

Tutti sperimentano momenti di stress: può durare per brevi periodi, ma può anche accompagnare la vita quotidiana per lungo tempo, specie se le preoccupazioni per salute, famiglia e lavoro si accumulano.

Sebbene ogni individuo reagisca diversamente a stress e preoccupazioni, la risposta fisiologica allo stress, ovvero come l’organismo si attiva nelle situazioni stressanti, è simile tra gli esseri umani.

Il cuore delle donne, specie se presentano alcuni fattori di rischio cardiovascolare, è uno dei principali bersagli di stress e preoccupazioni: ma quanto fanno male al cuore? 

Approfondiamo l’argomento con il Prof. Giulio Stefanini, cardiologo in Humanitas e in Humanitas San Pio X e docente di Humanitas University.

Stress e cuore: i fattori di rischio

Spiega il professor Stefanini: «La reazione fisiologica allo stress determina l’attivazione autonoma, e quindi non controllabile dalla volontà dell’uomo, del sistema nervoso simpatico, che permette di “fuggire o combattere” di fronte a un evento percepito come aggressivo. 

Se ci concentriamo sul cuore, la reazione allo stress si manifesta con:

  • aumento della frequenza cardiaca;
  • aumento della pressione arteriosa;
  • costrizione dei vasi periferici.

Se l’attivazione della risposta fisiologica allo stress dura per parecchio tempo, il sistema cardiovascolare e quindi il cuore vengono sottoposti a una eccessiva tensione». 

In generale, è bene prestare attenzione a: 

  • accelerazione del battito cardiaco, che viene percepita come tachicardia;
  • malessere;
  • sensazione di inquietudine e stanchezza;
  • insonnia o sensazione di non riuscire a riposare bene;
  • sensazione di essere sopraffatti dagli eventi.

«Evitare di sovraccaricare il cuore e il sistema cardiovascolare è fondamentale, specie per quelle persone che hanno un profilo di rischio cardiovascolare come le donne in menopausa, in sovrappeso/obesità, che soffrono di diabete, ipertensione o hanno familiarità per patologie cardiache.

Per questo i sintomi non vanno sottovalutati ed è assolutamente consigliato di rivolgersi allo specialista», continua il professor Stefanini.

Quando sottoporsi a una visita cardiologica?

«Quando la sensazione di malessere e affaticamento persiste, è opportuno rivolgersi al cardiologo. Infatti, rispetto agli uomini, le donne tendono a farsi maggiormente carico di situazioni stressogene nel lavoro, in famiglia, nella vita privata; talvolta sono le prime a sottovalutare gli effetti dello stress sulla salute del cuore», precisa l’esperto.

Durante la visita:

  • si valuta il profilo di rischio cardiovascolare individuale sulla base della storia individuale della donna; 
  • viene rilevata la pressione arteriosa;
  • viene effettuato l’elettrocardiogramma;
  • si prescrivono gli esami del sangue specifici;
  • se necessari, si programmano ulteriori esami di approfondimento come l’ecocardiogramma e test da sforzo.

Come prevenire gli effetti negativi dello stress sul cuore

«Per contrastare i problemi al cuore, sicuramente è necessario, prima di tutto, seguire una dieta corretta e bilanciata, uno stile di vita attivo e sane abitudini. Per prevenire gli effetti negativi dello stress sul cuore – ma anche per mantenere il sistema cardiovascolare in buona salute in generale – nei momenti di stress è bene seguire un’alimentazione che segua la dieta mediterranea, con più vegetali, cereali, legumi, pesce e carni magre, limitando il consumo di sale, carne rossa, cibi grassi, fritti e dolciumi. Ugualmente importante è cercare di non fumare o smettere di farlo anche con l’aiuto di centri antifumo specializzati. Ancora, svolgere regolare attività fisica, soprattutto di tipo aerobico come camminare a passo sostenuto, nuotare o andare in bicicletta, permette di evitare il sovrappeso.

In ultima istanza, meglio ricordarsi di rilevare la pressione arteriosa e monitorare la glicemia» conclude il professor Giulio Stefanini.

Specialista in Cardiologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici