COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Disfunzione erettile, le onde d’urto aiutano la risposta ai farmaci: il congresso in Humanitas

Humanitas ha ospitato sabato 11 novembre il Congresso “Disfunzioni sessuali complesse: approccio diagnostico e terapeutico” organizzato dalla SIAMS, la Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità. Si è trattato di un incontro congiunto delle Sezioni SIAMS Lombardia e Piemonte, dedicato agli specialisti che operano nel settore delle disfunzioni sessuali e ai Medici di Medicina Generale.

Un evento giunto al suo terzo anno e che ha riunito i diversi specialisti coinvolti nella gestione delle disfunzioni sessuali complesse. Responsabile scientifico dell’incontro il dottor Alessandro Pizzocaro, endocrinologo e andrologo in Humanitas, insieme al dottor Fiore Pelliccione.

Il ruolo delle onde d’urto nel trattamento della disfunzione erettile

Nel corso della giornata si sono affrontati molti temi: le disfunzioni sessuali da uso/abuso di farmaci, le disfunzioni sessuali di coppia e la disfunzione erettile refrattaria ai farmaci PDE5i (inibitori della fosfodiesterasi 5).

Particolarmente rilevante è stato l’interesse che hanno suscitato le onde d’urto, come ci spiega il dottor Pizzocaro: “Le onde d’urto possono infatti essere utili nei pazienti non rispondenti ai farmaci standard, nel ripristinare la risposta alla terapia farmacologica.

Non sono dunque il trattamento di prima scelta, ma aiutano la risposta dei farmaci nei pazienti in cui questi non sono in prima battuta efficaci. Le onde d’urto poi contribuiscono a migliorare il microcircolo del pene, con importanti benefici nei soggetti con problemi vascolari”.

Al Congresso è intervenuta anche la dottoressa Cristina D’Agostino, Responsabile Centro Terapia e Ricerca Onde d’Urto in Humanitas, con un intervento volto alla spiegazione dei meccanismi d’azione delle onde d’urto e delle loro peculiarità.

Che cosa sono le onde d’urto?

Le onde d’urto sono onde acustiche, ovvero micro-stimolazioni meccaniche che, applicate ai tessuti viventi, inducono reazioni biologiche con finalità terapeutiche, grazie alla modulazione dei processi infiammatori, con incremento della microcircolazione locale e in taluni casi anche rigenerazione dei tessuti.

Introdotte in medicina agli inizi degli anni Novanta per il trattamento dei calcoli renali (litotripsia), la terapia onde d’urto si è poi diffusa anche in altri ambiti specialistici, in prima istanza in ortopedia e traumatologia e successivamente anche in molti settori della Medicina Rigenerativa.

Negli anni più recenti sono stati chiariti alcuni aspetti fondamentali dei meccanismi d’azione, che, in ambito non urologico, non sono da attribuire propriamente alla forza meccanica dell’urto, bensì all’effetto secondario benefico che tale stimolazione induce sui tessuti, grazie all’attivazione cellulare.

Non invasive e sicure, le onde d’urto rappresentano attualmente una valida opzione terapeutica per la cura di molte patologie in diversi ambiti specialistici, spesso risorsa strategica quando altre terapie hanno fallito, oppure utile complemento in associazione ad altri trattamenti.

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici