COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Celiachia: come si riconosce e quali sono gli alimenti da evitare

Con celiachia si intende una patologia cronica autoimmune che provoca una reazione immunitaria dell’organismo all’assunzione di glutine. In Italia oltre 200.000 pazienti soffrono di celiachia con una prevalenza pari a circa l’1%, ma in realtà, tenendo anche conto dei casi non diagnosticati, il numero effettivo si aggirerebbe sui 600.000. 

La celiachia, infatti, è una malattia che può essere diagnosticata in diversi stadi della vita, sia in neonati di pochi mesi, sia in individui ormai adulti, magari asintomatici. La reazione immunitaria scatenata dalla celiachia, però, se non diagnosticata e curata può comportare un’infiammazione all’intestino tenue e ai villi intestinali, che impedisce il corretto assorbimento dei nutrienti compromettendo gravemente la salute del soggetto interessato fino ad arrivare a forme di celiachia complicata (es. celiachia refrattaria e linfoma intestinale).

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Roberta Elisa Rossi, specialista in Gastroenterologia in Humanitas.

Cos’è il glutine e come si sviluppa la celiachia

Il glutine è un complesso proteico presente in molti cereali, come orzo, frumento e segale. A seguito dell’assunzione di glutine, il soggetto celiaco sviluppa un’infiammazione intestinale che determina progressiva distruzione dei villi intestinali con conseguente malassorbimento. Per questo l’indicazione terapeutica è di evitare rigorosamente l’assunzione di qualsiasi alimento che potrebbe contenere anche solo piccole tracce di glutine.

Sebbene l’agente scatenante sia questa proteina, la celiachia è una malattia multifattoriale, innescata in un soggetto predisposto anche da fattori ambientali (per esempio le infezioni gastroenteriche, o la gravidanza) o da altre patologie autoimmuni che si associano alla celiachia, come il diabete mellito di tipo 1, la tiroidite autoimmune, l’artrite reumatoide, e sindromi genetiche come la sindrome di Down e quella di Turner.

Da quali sintomi si riconosce la celiachia?

Non sempre il paziente adulto è sintomatico, ma generalmente l’infiammazione causata dall’ingestione di glutine, nel paziente celiaco, provoca sintomi a livello gastrointestinale, come diarrea, meteorismo, gonfiore addominale, crampi addominali, dispepsia e perdita di peso. 

Vi sono poi altri sintomi, campanelli d’allarme da non sottovalutare, come afte in bocca, alopecia e debolezza muscolare, ma anche anemia ferropriva, ipertransaminasemia non altrimenti spiegata, osteopenia e/o osteoporosi, storia di infertilità e/o poliabortività.

Qualora si sospettasse di essere affetti da celiachia è molto importante non improvvisare diete fai da te, che potrebbero essere dannose per la salute, ma consultare uno specialista che con gli opportuni esami (sierologia per celiachia e, in caso di risultato positivo, gastroscopia con biopsie multiple a livello del duodeno) procederà a diagnosticare la malattia.

La dieta per la celiachia: un’alimentazione priva di glutine

È fondamentale che l’intestino e la mucosa del paziente celiaco ritrovino la loro funzionalità originale. Per questo motivo e per ridurre i sintomi, anche invalidanti, della malattia, il paziente deve seguire una dieta rigorosamente priva di glutine.

Questo significa che sono vietati pane, pasta, dolci e derivati del pane fatti con cereali e farine a base di avena, frumento, farro, orzo, grano, Kamut, o malto. Anche il lievito e il seitan sono da evitare, così come quei piatti pronti che possono contenere tracce di glutine (anche se in tal caso dovrebbe essere per legge segnalato sull’etichetta) oppure latte e yogurt a base di cereali e malto. 

Il glutine, inoltre, viene spesso utilizzato come addensante, quindi è bene fare sempre attenzione agli ingredienti delle salse, dei dadi solubili e anche degli insaccati e delle caramelle.

Tra le bevande sono ugualmente vietate birra, caffè solubile e altre bevande solubili che potrebbero nascondere tracce di glutine e i tè aromatizzati.

In generale, comunque, esiste un’ampia gamma di prodotti Gluten Free, dotati dell’apposita etichetta e venduti abitualmente nei supermercati e nei negozi di alimentari. Questi alimenti possono essere una risorsa alimentare sicura per il paziente celiaco che, per fugare ogni dubbio, può anche fare ricorso ai prontuari messi a disposizione dall’Associazione Italiana Celiachia, redatti appositamente per aiutare i pazienti a orientarsi tra prodotti da consumare tranquillamente e alimenti, invece, da evitare.

Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici