COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Caffeina: che effetto ha sull’organismo

La caffeina è una sostanza alcaloide stimolante, che si trova in alcuni alimenti come il caffè, le foglie della pianta del tè, nel cacao, nel guaranà e nelle bacche di mate. 

Spesso ci si riferisce a caffeina e teina come se fossero due sostanze differenti, ma è in realtà di una distinzione errata, poiché si tratta di una sostanza con la medesima composizione molecolare che, dunque, è di fatto la medesima. 

Approfondiamo l’argomento con la dottoressa Martina Gozza, dietista in Humanitas.

Quali sono le differenze tra caffè e tè?

Siamo abituati ad assumere caffè la mattina presto, durante la colazione, o mentre lavoriamo se abbiamo un momento di stanchezza e un calo di concentrazione. La caffeina, infatti, per via del suo effetto fisiologicamente attivo di eccitante, ci aiuta a restare svegli e reattivi.

Le bevande e i cibi che la contengono, tuttavia, possono avere delle ripercussioni differenti sul corpo, a causa della diversa concentrazione di principio attivo che contengono. È per questo motivo che ci siamo abituati a distinguere erroneamente tra teina e caffeina. Il principio attivo presente nel tè, infatti, è generalmente più blando: se un caffè espresso contiene fino a 80 mg di caffeina, una tazza di tè ne contiene tra i 30 e i 40 mg, quindi la metà o meno. Ovviamente bisogna sempre considerare, anche per quanto riguarda la medesima bevanda, fattori come la lavorazione del prodotto e il tempo di infusione: nel caso del tè, per esempio, quello nero nel corso della lavorazione mantiene una quantità di principio attivo superiore a quello verde.

Tè nero e tè verde, inoltre, contengono anche la teanina, un amminoacido naturalmente presente nelle proteine umane, che stimola i neurotrasmettitori ad azione inibitoria (GABA) e che, dunque, ha proprietà rilassanti. La teanina riduce l’effetto stimolante del principio attivo della caffeina migliorando attenzione e concentrazione senza avere un’azione eccitante come il caffè. 

Un’altra differenza tra caffè e tè riguarda la presenza di polifenoli: sostanze antiossidanti che rallentano l’assorbimento del principio attivo e che sono presenti in quantità superiore nella teina. L’effetto principale dei polifenoli è quello di attenuare la reazione alla caffeina, ma mantenerne l’effetto per un tempo maggiore.

Gli effetti sull’organismo della caffeina

Le molecole della caffeina interagiscono con i recettori che, nel nostro organismo, regolano le funzioni di sistema nervoso, sistema endocrino e sistema cardiovascolare. Per questo, la caffeina viene considerata una sostanza psicoattiva e viene utilizzata non soltanto per mantenere salda l’attenzione e la concentrazione e aiutarci a svegliarci al mattino, ma anche per aumentare le nostre prestazioni sportive e la nostra resistenza fisica, per velocizzare il processo di dimagrimento e diminuire le adiposità localizzate.

Quando assumiamo della caffeina, infatti, questa viene assorbita velocemente dall’intestino e per via delle sue proprietà molecolari può passare la barriera emato-encefalica delle cellule endoteliali del sistema nervoso centrale, che protegge il cervello da sostanze nocive, a differenza di altre molecole che vengono invece “bloccate all’ingresso”. Ecco perché, dopo aver bevuto del caffè ci sentiamo eccitati e con una concentrazione maggiore.

Ma la caffeina ha anche effetti a livello respiratorio e circolatorio, infatti con la sua azione aiuta il rilascio di adrenalina e noradrenalina, ormoni generalmente rilasciati dall’organismo in momenti di stress, che contribuiscono all’aumento della pressione arteriosa e del battito cardiaco, con effetti sul metabolismo corporeo. 

La caffeina può inoltre contribuire alla diuresi, poiché, quando si trova nello stomaco, stimola un aumento della sintesi acida. 

Quando si sconsiglia l’assunzione di caffeina

Come abbiamo visto, gli effetti della caffeina sul nostro organismo e sul nostro corpo sono molto vari e molto evidenti. Per questo ci sono alcune condizioni e situazioni in cui l’assunzione di questa sostanza è sconsigliata, poiché potrebbe provocare effetti indesiderati.

La caffeina è dunque sconsigliata durante la gravidanza, poiché la caffeina è in grado di attraversare la placenta e durante l’allattamento, in quanto può riversarsi nel latte materno. Dovrebbero prestare attenzione all’assunzione di cibi e bevande che la contengono anche individui affetti da osteoporosi o fratture, poiché la caffeina riduce l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo.

Anche chi soffre di disturbi gastrici non dovrebbe assumere una quantità eccessiva di caffeina, per via della sua capacità di favorire l’azione dei succhi gastrici e il reflusso gastroesofageo.

In ogni caso, anche in condizioni normali si dovrebbe limitare la quantità di caffeina che si assume abitualmente: un’intossicazione da caffeina, infatti, può provocare un aumento incontrollato dell’eccitazione, a cui si possono sommare forte tachicardia, nervosismo e insonnia (motivo per cui è anche sconsigliata alle persone affette da disturbi cardiaci e aritmie).

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici