COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Autopalpazione: come riconoscere i cambiamenti del seno

L’autopalpazione del seno rappresenta un utile strumento di prevenzione del tumore al seno ed è utile per acquisire consapevolezza del proprio seno e rilevare eventuali cambiamenti che possono meritare un approfondimento. 

Come si fa l’autopalpazione e in presenza di quali sintomi fare una visita senologica? Ne parliamo con la dottoressa Erika Barbieri, senologa presso l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas Rozzano. 

Autopalpazione al seno: quando farla

L’autopalpazione costituisce il primo passo fondamentale nella prevenzione del tumore al seno. La consapevolezza del proprio corpo riveste un ruolo importante nel rilevare eventuali anomalie o cambiamenti, che potrebbero fungere da segnali precoci per la necessità di una consultazione specialistica. 

L’autopalpazione si può iniziare a partire dai 20 anni, una volta al mese, preferibilmente quando il seno è più morbido. Il periodo ottimale per la procedura va dal settimo all’undicesimo giorno del ciclo mestruale, calcolato a partire dal primo giorno delle mestruazioni. Altrimenti l’autopalpazione può essere eseguita in qualsiasi giorno del mese.

Autopalpazione al seno: come si fa

Per prima cosa, è consigliabile mettersi in piedi di fronte a uno specchio per osservare attentamente il proprio seno, inizialmente con le braccia lungo i fianchi e successivamente alzandole.

Durante l’osservazione è bene prestare attenzione a:

  • forma, dimensioni e consistenza della pelle del seno
  • eventuali secrezioni dai capezzoli
  • retrazioni della cute o del capezzolo
  • rossori della pelle
  • simmetria tra le mammelle.

Dopo questa fase di osservazione, si procede con la pratica effettiva. Mantenendosi in piedi di fronte allo specchio, si posiziona una mano dietro la testa, mentre l’altra viene appoggiata piatta sul seno corrispondente al braccio alzato. Successivamente, si esegue la palpazione con la mano a piatto sul seno eseguendo movimenti circolari intorno al capezzolo, movimenti verso l’alto e movimenti verso il basso

Si consiglia poi di spremere delicatamente il capezzolo e verificare se vi siano fuoriuscite di secrezioni; da controllare anche il cavo ascellare con le stesse modalità sopra descritte per individuare eventuali linfonodi ingrossati

L’intera procedura va poi ripetuta anche in posizione supina, garantendo così una valutazione completa e accurata. 

Seno: i sintomi per cui fare una visita senologica 

L’autopalpazione non sostituisce la visita senologica specialistica e gli esami strumentali, però è uno strumento conoscitivo del proprio corpo.

I sintomi da non sottovalutare sono: 

A ogni età in seguito all’autopalpazione se si rilevano alterazioni o perplessità occorre fare una visita senologica, che comunque a partire dai 25-30 anni dovrebbe essere eseguita annualmente a completamento dell’ecografia mammaria bilaterale, alla quale a partire dai 40 anni va aggiunta anche la mammografia

L’autopalpazione quindi è importante ma non si sostituisce alla valutazione del medico; è fondamentale sottolineare che il tumore al seno può non dare sintomi, oppure essere così piccolo da non essere percepibile all’autopalpazione ed è proprio in questa fase che l’iter clinico-strumentale prestabilito per la diagnosi precoce è più efficace per garantire un approccio terapeutico sempre più mirato e un incremento della probabilità di guarigione.

Specialista in Chirurgia dell 'Apparato Digerente

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici