COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Alimentazione: i consigli per l’inverno

Con le stagioni cambia anche la nostra alimentazione, la natura ci offre verdura e frutta di diverso tipo e anche il nostro organismo ha delle necessità differenti. In inverno, con l’arrivo del freddo, abbiamo bisogno di una dieta sostanziosa e sana, che aiuti il nostro corpo ad accumulare le energie di cui ha bisogno senza appesantirlo. 

Dalle temperature che si abbassano, alle malattie stagionali, come l’influenza, che proliferano più facilmente quando passiamo molto tempo in ambienti chiusi, è necessario mantenere bilanciati i nutrienti e rinforzare con una dieta adeguata il sistema immunitario.

Approfondiamo l’argomento con la dottoressa Martina Gozza, dietista in Humanitas

Proteggersi dal freddo: un aiuto prezioso dallalimentazione

Alcuni alimenti aiutano più di altri i meccanismi di termoregolazione del nostro organismo aiutandoci a produrre più energia e, dunque, più calore nei mesi invernali. Per esempio le zuppe, le minestre e le paste in brodo (ma anche i risotti), quando accompagnate da legumi come lenticchie, fagioli, ceci o piselli compensano sia il bisogno di idratazione sia quello di ferro, un alleato fondamentale contro quella sensazione di stanchezza che le temperature basse possono aumentare. 

Come mantenere, allora, un’alimentazione che sia in grado di aiutarci a produrre calore corporeo e sia al contempo povera di grassi? Vengono in nostro aiuto alimenti ricchi di proteine come le uova, la carne bianca, il pesce e i già menzionati legumi. 

Da evitare, invece, gli alcolici: quando li beviamo, soprattutto se le temperature sono basse, abbiamo l’impressione di riscaldarci, ma è un effetto solo temporaneo, poiché determinano, in un secondo momento, vasocostrizione, stimolando le sensazioni di freddo. 

E attenzione anche ai dolci: a parte il cioccolato fondente, valido alleato quando abbiamo bisogno di qualche energia in più, sono molto ricchi di grassi, i quali non aiutano a regolare la temperatura corporea e, al contrario, contribuiscono a una fastidiosa sensazione di pesantezza.

Frutta e verdura di stagione: uno scudo per il sistema immunitario

Fondamentali per rinforzare il sistema immunitario e proteggere la nostra pelle dagli agenti esterni sono frutta e verdura di stagione, grazie alle vitamine di cui sono ricche. Ma vediamo più da vicino quali sono e che proprietà hanno.

Ricche di antiossidanti sono la vitamina A, che si trova in verdure come broccoli, zucca, carote, tarassaco e radicchio, e la vitamina E, contenuta in frutta secca come noci, nocciole e mandorle, che possiamo aggiungere ai nostri piatti ricordandoci sempre di non esagerare con le quantità, perché ricca di calorie. Dalle note proprietà antiossidanti e fondamentale per la sintesi del ferro assunto tramite gli altri alimenti è poi la vitamina C, presente in frutta di stagione come gli agrumi e il kiwi, ma anche in cavolo, cavolfiore e cavolini di bruxelles

Stagionalità: ricordarsi di seguire la natura

Consumare prodotti di stagione” ci consente di avere sulla nostra tavola alimenti con un gusto sicuramente migliore rispetto a quelli coltivati in serra e che contengono tutte le sostanze necessarie per il benessere dell’organismo. Finora abbiamo parlato di frutta e verdura, ma bisogna sempre ricordarsi che anche pesce e formaggio seguono le stagioni. Per quanto riguarda il pesce i mesi invernali vedono sul banco del pescato orata, sgombro, merluzzo, sogliola, acciuga, aringa, sardine, seppia, calamaro e polpo.

Mentre passando ai formaggi, invece, in inverno è meglio consumare quelli a pasta dura: infatti, nonostante le vacche producano latte per circa 10 mesi l’anno, nei mesi primaverili ed estivi vengono lavorati i formaggi migliori che, in base al tempo di stagionatura, verranno consumati nei mesi successivi.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici