Anche Humanitas è tra i sei centri di gastroenterologia che daranno vita ad un database e ad un registro che raccoglierà dati demografici, procedurali e di follow-up in cinque diversi paesi d’Europa sulle operazioni di sutura endoluminale in cui viene utilizzato il sistema endoscopico OverStitchTM di Apollo Endosurgery.

   ll professor Alessandro Repici, Direttore del Dipartimento di Unità di Endoscopia Digestiva dell’Istituto Clinico Humanitas, svolgerà il ruolo di Principal Investigator.

“Il registro europeo GI per sutura endoscopica è una straordinaria opportunità per creare un repository di dati sulle applicazioni gastrointestinali avanzate provenienti da alcuni dei più importanti centri europei e consentirà una maggiore comprensione dell’efficacia, dei benefici e degli esiti associati alle procedure di sutura endoscopica”, ha spiegato il professor Repici.

 La raccolta dati

L’ accordo, nato tra Humanitas e Apollo Endosurgery, che opera nel settore dei dispositivi medici mini-invasivi per procedure bariatriche e gastrointestinali, porterà alla nascita di un registro multicentrico che consentirà la creazione di un database di informazioni per le applicazioni gastrointestinali eseguite utilizzando il sistema di sutura endoscopica brevettato da Apollo.

I dati saranno raccolti su una varietà di applicazioni in cui viene utilizzato il sistema Apollo: sutura a tutto lo spessore e difetti della mucosa, complicazioni post-operatorie, perforazioni, fissazione dell’endoprotesi, trattamento del sanguinamento gastrointestinale e altre procedure. 

Obiettivi

Obiettivo è sostenere l’uso clinico e i benefici della sutura endoluminale e fornire dati reali sulla sicurezza e l’efficacia che possono supportare medici, pazienti e soggetti paganti nel prendere decisioni informate.

 “Il futuro dell’endoscopia terapeutica è molto promettente e la sutura endoscopica flessibile con  OverStitch è molto utile. Questi centri leader in Europa che partecipano al registro contribuiranno a generare dati per i loro colleghi e per i  sistemi sanitari nazionali in tutta Europa “, ha detto Todd Newton, CEO di Apollo Endosurgery.