COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Levometadile acetato

Il levometadile acetato viene utilizzato per trattare e gestire la dipendenza da oppiacei. A volte trova impiego anche nel trattamento del dolore grave nei pazienti terminali.

Come funziona il levometadile acetato?

Il levometadile acetato è un analgesico. Agisce modificando l'apertura di canali sulla membrana dei neuroni, riducendone l'eccitabilità.

Come si somministra il levometadile acetato?

In genere il levometadile acetato viene somministrato per via orale.

Effetti collaterali

L'assunzione prolungata di levometadile acetato può causare costipazione.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

  • rash
  • orticaria
  • prurito
  • difficoltà respiratorie
  • senso di oppressione al petto
  • gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua
  • pelle fredda
  • confusione
  • convulsioni
  • forti capogiri
  • forte sonnolenza
  • pressione bassa
  • nervosismo o irrequietezza
  • battito cardiaco rallentato
  • forte debolezza
  • depressione
  • restringimento delle pupille

Controindicazioni e avvertenze

L'assunzione di levometadile acetato non è indicata durante la gravidanza.

Prima dell'assunzione è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare acecainide, ajmalina, amiodarone, amisulpride, amitriptilina, amoxapina, aprindina, astemizolo, azimilide, bepridile, bretilio, brofaromina, cloralio idrato, clorochina, clorpromazina, cisapride, citalopram, claritromicina, clorgilina, desipramide, dipenzepina, disopiramide, dofetilide, dolasetron, doxepina, dropeidolo, ebastina, encainide, etritromicina, flecainide, fluconazolo, flucitosina, fluoxetina, fluvoxamina, foscarnet, furazolidone, alofantrina, aloperidolo, idrochinidina, ibutilide, imipramina, iproniazide, isocarbossazide, isradipina, itraconazolo, lazabemide, lidoflazina, linezolid, lorcainide, meflochina, mesoridazina, metdilazina, mexiletina, mibefradile, moclobemide, nialamide, nicardipina, nortriptilina, octreotide, olanzapina, pargilina, pentamidina, fenelzina, pimozide, pirmenolo, prajmalina, primachina, probucolo, procainamide, procarbazina, propafenone, protriptilina, chinidina, rasagilina, risperidone, selegilina, sematilide, sertindolo, sertralina, sotalolo, spiramicina, sulfametossazolo, sultopride, tedisamil, terfenadina, tioridazina, tiapride, toloxatone, tranilcipromina, trimeprazina, trimetorpim, trimipramina, vasopressina, zimeldina, ziprasidone, zolmitriptan, zotepina, acetazolamide, amiloride, triossido di arsenico, azosemide, bemetizide, bendroflumetiazide, benztiazide, bumetanide, canreonato, olio di ricino, clortalidone, clopamide, ciclotiazide, docusato, enflurano, acido etracrinico, etozolina, fenchizone, furosemide, gemifloxacina, alotano, idroclorotiazide, idroflumetazide, indapamide, isoflurano, ketoconazolo, lactulosio, magnesio, mannitolo, metolazone, piretanide, politiazide, proclorperazina, chinetazone, sorbitolo, spironolattne, tapentadolo, telitromicina, ticrynafen, torsemide, triamterene, triclormetiazide, trifluoperazina, urea, xipamide, cimetidina, fenobarbital, fenitoina o rifampicina
  • se si soffre (o si ha sofferto) di asma, enfisema o altre malattie polmonari croniche, malattie cerebrali, colite, malattia di Crohn, ipertrofia prostatica, problemi di minzione, malattie o calcoli alla cistifellea, malattie cardiache, pressione alta, malattie renali, malattie epatiche o ipotiroidismo
  • in caso di traumi cranici
  • in caso di gravidanza o allattamento

L'effetto del levometadile acetato può sommarsi a quello dell'alcol e di alcuni farmaci, in particolare quelli che riducono l'attività del sistema nervoso centrale.
L'assunzione può causare sonnolenza e capogiri. Questi ultimi sono più frequenti quando ci si alza da posizione sdraiata o seduta; per questo è bene alzarsi lentamente e distendersi alla comparsa di giramenti di testa.

È importante informare medici, chirurghi e dentisti dell'assunzione di levometadile acetato.