COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Mandarino

Che cos’è il mandarino?

Il mandarino è il frutto dell’albero di Citrus aurantium var. nobilis, specie appartenente alla famiglia delle Rutaceae di origine cinese che può raggiungere fino a 4,5 m di altezza e che è giunta in Europa all’inizio del XIX secolo.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

Senza la buccia 100 g di mandarino apportano 72 Calorie così distribuite:

  • 91% carboidrati
  • 5% proteine
  • 4% lipidi

 

In particolare, 100 grammi della parte commestibile del frutto apportano:

  • 81,4 g di acqua
  • 0,9 g di proteine
  • 0,3 g di lipidi
  • 17,6 g di zuccheri solubili
  • 1,7 g di fibre, di cui: 0,67 g di fibra solubile, 1,03 g di fibra insolubile

 

Fra le vitamine e i minerali, 100 g di mandarino (buccia esclusa) apportano:

 

 

Quando non mangiare il mandarino?

Non risultano prove scientificamente attendibili dell’interazione del mandarino con farmaci o sostanze che ne rendano sconsigliabile l’assunzione in particolari casi o circostanze.

 

 

Stagionalità del mandarino

I mandarini sono presenti sul mercato da novembre a febbraio. A partire dal mese di ottobre è invece possibile trovare in vendita le clementine, che come i mandarini rimangono sul mercato fino a febbraio.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni

Il mandarino è un’ottima fonte alimentare di vitamina C. Questo micronutriente può aiutare a combattere i radicali liberi, prevenendo i danni cellulari grazie a questa sua azione antiossidante. Inoltre gli antiossidanti del mandarino potrebbero aiutare a proteggere il sistema cardiocircolatorio combattendo l’ossidazione del colesterolo, fenomeno associato alla formazione di placche aterosclerotiche.

 

Il mandarino è inoltre una fonte di fibre, molecole che promuovono il buon funzionamento dell’intestino. Rispetto ad altra frutta ne contiene però quantità minori; ciò fa sì che induca un minor senso di sazietà, con il conseguente rischio di consumarne quantità che apportano quantità di zuccheri superiori rispetto a quelle raccomandabili.

Studi scientifici suggeriscono, infine, che il mandarino possa aiutare a ridurre il rischio di tumore al fegato.

 

 

Disclaimer
Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici