COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Singhiozzo (sintomo)

Il singhiozzo è un movimento involontario del muscolo alla base dei polmoni, il diaframma. La conseguente rapida chiusura delle corde vocale porta all’emissione del tipico suono associato al singhiozzo. A causarlo possono essere i fattori più variabili, da pasti troppo abbondanti all’assunzione di alcolici, di bevande gassate o di cibi bollenti o speziati, ma anche uno stress emotivo o uno stato di eccitazione, un cambiamento di temperatura improvviso o l’ingestione di aria.
Alla base di un singhiozzo che dura da più di 48 ore possono però esserci danni o irritazioni ai nervi, un tumore o un’infezione del sistema nervoso centrale, malattie metaboliche, traumi cranici o l’assunzione di farmaci (ad esempio barbiturici, steroidi, tranquillanti o anestetici). Forme di singhiozzo di questo tipo sono più frequenti negli uomini e possono interferire con l’alimentazione, con il riposo o con la possibilità di parlare.

 

Quali malattie si possono associare al singhiozzo?

Le patologie che si possono associare a singhiozzo sono le seguenti:

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.

 

Quali sono i rimedi contro il singhiozzo?

Nella maggior parte dei casi il singhiozzo si risolve da sé. Per farlo passare in fretta si può provare a respirare in un sacchetto, a bere, sorseggiare o fare gargarismi con un bicchiere d’acqua fredda, trattenere il respiro.
Il medico potrebbe ritenere necessario un trattamento, prescrivere l’assunzione di farmaci o, nei casi più complicati, consigliare il ricorso a soluzioni più invasive, come l’iniezione di anestetici o l’impianto di sistemi per la stimolazione del nervo vago. In alcuni casi anche il ricorso ad approcci complementari come l’ipnosi e l’agopuntura.

 

Con singhiozzo quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di singhiozzo è bene rivolgersi al medico se il disturbo dura più di 48 ore o se interferisce con l’alimentazione, il sonno o la respirazione.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici