COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Eiaculazione dolorosa

L’eiaculazione dolorosa è una condizione in cui l’emissione dello sperma è associata a dolore o bruciore nell’area del perineo (la zona compresa tra l’ano e i genitali) o dello sbocco dell’uretra. Può essere associato a un fastidio a livello dei testicoli e compromettere il piacere sessuale.

 

Quali malattie si possono associare all’eiaculazione dolorosa?

Le patologie che si possono associare all’eiaculazione dolorosa sono le seguenti:

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi. 

 

Quali sono i rimedi contro l’eiaculazione dolorosa?

Il rimedio più adatto all’eiaculazione dolorosa dipende dalla sua causa. In caso di prostatite, ad esempio, può essere utile l’assunzione di alfa-bloccanti, di miorilassanti, di analgesici o di antinfiammatori. Le infezioni possono invece richiedere l’uso di antivirali o di antibiotici.
Quando invece non si riesce a ricondurre il sintomo a un problema fisico possono essere utili approcci comportamentali o psicologici. Può ad esempio essere utile un counseling, oppure imparare tecniche per rilassare i muscoli pelvici.

 

Con eiaculazione dolorosa quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di eiaculazione dolorosa è bene rivolgersi al medico per identificare la causa alla base del problema.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici