COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Vene varicose, quando ricorrere alla chirurgia

Quando la diagnosi di insufficienza venosa cronica giunge a malattia conclamata, è necessario ricorrere alla chirurgia. Quando e come intervenire? Risponde la dottoressa Elisa Casabianca, assistente di Chirurgia Vascolare I.

Quando è necessaria la chirurgia?

 “La chirurgia è indicata in tutti quei pazienti in cui l’ecocolordoppler abbia evidenziato un’insufficienza dei sistemi venosi safenici. L’intervento chirurgico che ne consegue è individuato in base alle valutazioni fatte sul singolo paziente nel corso della visita specialistica e a seguito, appunto, dell’ecocolordoppler”.

Quali opzioni chirurgiche sono possibili?

L’intervento più eseguito è lo stripping safenico, cioè l’asportazione chirurgica totale o parziale della vena safena, che viene eseguita attraverso un taglio in sede inguinale e con un accesso chirurgico alla gamba. Alcuni pazienti possono essere trattati con interventi molto meno invasivi come le flebectomie, asportazioni parziali dei segmenti venosi malati. In alcuni casi possono essere presi in considerazione trattamenti come la termoablazione e radiofrequenza della vena safena, in anestesia locale e senza tagli chirurgici. In pratica la vena viene incanulata con un piccolo catetere, seguita lungo tutto il suo decorso patologico sotto guida ecografica e infine bruciata.

Specialista in Chirurgia Vascolare
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici