COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Vene varicose, l’efficacia della termoablazione in radiofrequenza

Le vene varicose sono un disturbo a carico del sistema circolatorio caratterizzato dallo sfiancamento delle pareti delle vene superficiali delle gambe, associato a una ritenzione di liquidi a livello delle gambe. Si tratta di una patologia che non trattata può cronicizzarsi e portare a danni anche gravi come le ulcere.

Oltre all’intervento chirurgico tradizionale (stripping della safena) è possibile intervenire con termoablazione in radiofrequenza. Ne parliamo con la dottoressa Elisa Casabianca, angiologa e chirurgo vascolare di Chirurgia Vascolare I in Humanitas.

 

Che cos’è la termoablazione in radiofrequenza?

“È una procedura mininvasiva di ultima generazione con numerosi vantaggi rispetto alla chirurgia tradizionale come dimostrano le ricerche più aggiornate in tema di insufficienza venosa, un problema molto frequente ma spesso trascurato.

La termoablazione in radiofrequenza prevede l’inserimento di un micro catetere attraverso una semplice puntura in anestesia locale in un punto della gamba precedentemente mappato con un’analisi ecografica. Una volta raggiunta la posizione pianificata, la sonda emette un’onda energetica (radiofrequenza) che provoca la chiusura della vena malata (ablazione) escludendola dalla circolazione.

 

Quali sono i vantaggi di questa procedura?

“La tecnica è sicura e si avvale di metodiche ripetibilli e non invasive. I vantaggi per i pazienti sono molteplici: il trattamento è ambulatoriale, viene condotto in anestesia locale e si può associare a millimetriche incisioni alla coscia e gamba per rimuovere eventuali varici inestetiche. La mancanza di tagli chirurgici significa anche assenza di punti di sutura e di eventuali ematomi. Il paziente può muoversi immediatamente dopo il trattamento e può riprendere le normali attività quotidiane in un paio di giorni. Le differenze con l’approccio tradizionale sono enormi: la necessità di rimuovere chirurgicamente la vena malata comporta molteplici incisioni chirurgiche, la più importante delle quali in sede inguinale con rischi di infezione e la certezza di sviluppare ematomi lungo la coscia e gamba che richiedono qualche settimana per risolversi.

Chi può sottoporsi a termoablazione in radiofrequenza?

“Potenzialmente tutti i pazienti affetti da insufficienza venosa, senza limite d’età, purché la conformazione anatomica lo consenta. Spetta allo specialista valutare quali pazienti possono trarre maggior beneficio da questa procedura e per quali, invece, è più opportuno lo stripping tradizionale o altri tipi di trattamento. In generale, la termoablazione in radiofrequenza è una soluzione efficace, mininvasiva e dunque auspicabile, adatta anche a quei pazienti che non possono affrontare un intervento chirurgico tradizionale”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici