COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Tumori testa-collo: il trattamento inizia dalla prevenzione

I tumori della testa e del collo rappresentano circa il 10-12% dei tumori maligni nel genere maschile e il 4-5% nel genere femminile. Originano in particolare nella zona di labbra, lingua, gola, cavità nasali e seni paranasali, ghiandole salivari, ghiandola tiroide e paratiroidi, cute e, oggi, la diagnosi di questi tumori risulta ancora complicata. 

Come mai? Ne parliamo con la dottoressa Caterina Giannitto, radiologa in Humanitas ed esperta di imaging testa-collo, con il professor Giuseppe Spriano, Responsabile dell’Unità di Otorinolaringoiatria di Humanitas e docente di Humanitas University, e con il professor Giuseppe Mercante, Referente del percorso Chirurgia della Tiroide e Paratiroidi in Humanitas e docente di Humanitas University.

I rischi di una diagnosi tardiva

Quando si parla di tumori della testa e del collo un rischio concreto è rappresentato dalla diagnosi tardiva, quando il tumore è già a uno stadio avanzato: questo ha un impatto sulla prognosi e sulla scelta di trattamento da impostare, conferma il professor Spriano. La diagnosi tardiva è spesso provocata da una disinformazione dei pazienti che non riconoscono immediatamente i segnali della presenza di un tumore testa-collo, recandosi in ritardo all’attenzione del medico specialista. 

Per questo motivo sono di grande rilevanza le campagne di sensibilizzazione e informazione su fattori di rischio e sintomi precoci dei tumori della testa e del collo, sia rivolte ai cittadini, sia rivolte al personale medico. 

Tumori testa-collo: i segnali da non sottovalutare

Esistono alcuni campanelli dallarme che possono far sospettare la presenza di un tumore del distretto testa-collo. Per esempio un mal di gola non responsivo ai trattamenti, o un mal di testa continuo e persistente, o dei disturbi del tono della voce. È molto importante imparare ad automonitorarsi tramite l’autoesame, valutando dunque la presenza di tumefazioni lungo la regione laterale del collo o nel comparto anteriore. 

Anche la presenza di macchie o tumefazioni nel cavo orale può essere un indicatore, o ancora il cambiamento dei nei sul volto potrebbe significare la presenza di eventuali tumori cutanei. Una volta riscontrati questi sintomi, bisogna rivolgersi al proprio medico di medicina generale ed effettuare una visita di prevenzione otorinolaringoiatrica, in particolar modo in caso di individui fumatori o che fanno uso di bevande alcoliche.

Importante ricordare anche i tumori correlati all’infezione dellHPV. Spesso si pensa erroneamente che i tumori HPV correlati riguardino soltanto la sfera genitale, invece, un tumore frequente correlato all’HPV è quello della faringe. Bisogna ribadire l’importanza della vaccinazione non soltanto per le giovani donne ma anche per i giovani uomini, intorno ai 12 anni, un’età in cui è garantita dal Sistema Sanitario Nazionale.

L’importanza dei Centri specializzati

È importante riferirsi a un Centro con unequipe medica specializzata nel riconoscere questa tipologia di tumori perché la diagnosi viene spesso effettuata dallo specialista otorinolaringoiatra che deve poter usufruire di strumenti innovativi. In Humanitas abbiamo a disposizione tecnologie allavanguardia che consentono di valutare aree anche minime in cui risulta una vascolarizzazione differente rispetto a quella della mucosa normale, spiega il professor Mercante.

Inoltre, dal punto di vista radiologico, la conoscenza del distretto testa-collo che permette di stadiare correttamente un tumore, richiede specifiche competenze sia dal punto di vista anatomico, sia dal punto di vista strumentale, sottolinea la dottoressa Giannitto. Bisogna avere a disposizione protocolli di studio dedicati ed è importante la comunicazione tra il medico radiologo e il chirurgo anche per evitare casi di sovratrattamento. 

Un’associazione per le donne

Le perle di Lunia è un’associazione che la dottoressa Giannitto, in collaborazione con altri specialisti, ha creato per venire incontro a quelle donne con storie di tumori della testa e del collo, sia in quanto pazienti, sia in quanto caregiver. I trattamenti per i tumori testa-collo, infatti, possono lasciare delle conseguenze sul volto delle e dei pazienti, in alcuni casi estremamente evidenti. Questo comporta dei problemi dal punto di vista della percezione del proprio corpo e delle relazioni sociali. L’associazione Le perle di Lunia supporta il reinserimento nel contesto lavorativo e sociale delle pazienti che hanno effettuato dei trattamenti per un tumore testa-collo. 

Tra gli obiettivi dell’ associazione rientra anche la sensibilizzazione.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici