COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Stereotaxis, il robot contro le aritmie

 

Una delle novità assolute è il sistema di ricostruzione tridimensionale dell’area dell’intervento, che consente al medico di orientarsi e spostarsi nel corpo del paziente con una precisione mai raggiunta prima. La Stereotaxis di Humanitas è infatti equipaggiata con un sistema che consente di effettuare immagini radiografiche digitali tridimensionali dell’area in cui sta operando; un angio-CTscan, un particolare sistema TAC che effettua una scansione del torace del paziente direttamente all’inizio della procedura; e, infine, il CARTO MERGE, un navigatore satellitare che fornisce la posizione esatta del catetere rispetto alla ‘mappa’ tridimensionale del corpo del paziente.

 

“Combinando il momento diagnostico con quello terapeutico – spiega il dott. Maurizio Gasparini, responsabile dell’Unità di Operativa di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione di Humanitas, uno dei maggiori esperti europei nell’impianto di defibrillatori bi ventricolari, elettrofisiologia ed impianti di pace-maker, autore anche di linee guida internazionali – questo sistema consente di curare con la massima precisione ed efficacia le aritmie, e fra queste in particolare una delle più diffuse, la fibrillazione atriale. Grazie alla precisione e alla flessibilità dei movimenti e all’accuratezza del sistema di navigazione non esisteranno più punti del corpo non raggiungibili, e questo ci consentirà di affrontare casi sempre più complessi”.

 

In tutto il mondo i casi di fibrillazione atriale sono oltre 7 milioni, con 700 mila nuovi pazienti all’anno. Soltanto in Italia riguarda circa 500 mila persone, in particolare al di sopra dei 70 anni. Si tratta di un segnale elettrico anomalo che altera il normale ritmo cardiaco, creando una sorta di ‘confusione elettrica’ che porta il cuore a battere in modo veloce, disordinato e poco efficiente. Una delle terapie più efficaci per questo problema è la cosiddetta ‘ablazione‘, che consiste nel provocare appositamente, mediante un’energia a radiofrequenza , minuscole lesioni nella parete dell’atrio sinistro del cuore, dove si genera la maggior parte degli impulsi che provocano la fibrillazione atriale. In questo modo si isolano le cellule responsabili dell’anomalia, bloccando la trasmissione dell’impulso scorretto. La complessità di questo intervento sta proprio nell’individuare ed isolare elettricamente il gruppo di cellule coinvolte nella malattia.

 

“La Stereotaxis – continua Gasparini – gestisce in modo informatizzato l’inserimento e il posizionamento del catetere. La sua testa metallica, dalla quale viene emessa l’energia a radiofrequenza che produce le lesioni mirate, viene risucchiata dal campo magnetico e condotta dolcemente anche lungo i percorsi più tortuosi. Il movimento del catetere è controllato dal computer, che ne impedisce un avanzamento eccessivo una volta in contatto con la parete dell’atrio. Inoltre il sistema di ‘mappatura’ del corpo del paziente, basato su una serie di rilevamenti compiuti all’inizio dell’intervento, consente una considerevole riduzione dell’utilizzo dei raggi X. Ci aspettiamo anche una significativa riduzione della durata dei trattamenti (normalmente 4-5 ore), in particolare nei casi in cui occorre ritornare nei punti dove si è già intervenuti, per perfezionare la lesione o effettuare una stimolazione. Il sistema di ‘navigazione satellitare’ del nuovo dispositivo consente infatti di registrare le coordinate delle singole aree di intervento: con un semplice comando possiamo così ordinare ai magneti di riportare il catetere esattamente in quel punto”. Oltre al suo impiego prevalente nel settore dell’elettrofisiologia ed elettrostimolazione del cuore, questo dispositivo potrà trovare importanti applicazioni anche nelle cura delle occlusioni coronariche e in neuroradiologia o nei casi più complicati di re sincronizzazione cardiaca.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici