COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Smartphone e tecnologie ‘nemici’ della pelle: i consigli dell’esperta contro il digital aging

Smartphone, digitale e iperconnessione possono rivelarsi nemici della pelle e del nostro organismo causando spesso colorito spento, rughe occhiaie. Ma anche posture scorrette di collo e schiena e dita della mani a rischio. Sono alcuni degli effetti di quello che gli esperti chiamano ‘digital aging’ (invecchiamento digitale): malesseri e disturbi dovuti al troppo – e scorretto – utilizzo delle nuove tecnologie.

Ne ha parlato in un’intervista la dott.ssa Alessandra Narcisi, dermatologa dell’ospedale Humanitas.

Gli effetti della tecnologia

Oltre ad un colore spento della pelle e alle rughe dovute al passare del tempo, mentre utilizziamo cellulari e tablet, senza rendercene neppure conto, adottiamo espressioni del viso corrucciate, strizziamo gli occhi e le fronte. Posizioni che a lungo andare segnano la nostra pelle.

 “Si chiama digital aging, cioè invecchiamento digitale, uno dei fattori di invecchiamento precoce della pelle che colpisce donne e uomini a tutte le età e si manifesta con rughe su viso e collo per effetto delle onde elettromagnetiche emesse dagli schermi di pc, smartphone e tablet”, ha spiegato la dottoressa. “Le onde elettromagnetiche emesse dagli schermi aumentano la temperatura dei tessuti biologici favorendo il surriscaldamento dei tessuti ricchi di acqua, come il derma, e portando quindi al deterioramento delle fibre collagene con conseguente insorgenza di rughe e doppio mento”.

I consigli dell’esperta

Per correre ai ripari e magari preservare la pelle la dott.ssa Narcisi consiglia di l’utilizzo quotidiano “di creme, sia da giorno che da notte, per riparare il collagene danneggiato dalle onde elettromagnetiche degli schermi”. Inoltre per quanto riguarda gli occhi, e la vista, è importante “staccare spesso gli occhi e allontanare lo sguardo dal monitor”, ha aggiunto. In generale per chi lavora in ufficio e bene “alzarsi ogni 20 minuti circa, assicurarsi di avere una buona illuminazione nella stanza in cui si lavora, mantenere una corretta postura davanti al pc in modo da evitare posizioni che possono favorire il doppio mento”.

Anche le abitudini alimentari contribuiscono ad una buona prevenzione: “bere molta acqua” è indispensbaile per “mantenere idratata la pelle” e “seguire una dieta ricca di anti-ossidanti, presenti in frutta e verdura, preferire alimenti ricchi di omega-3 come pesce azzurro, salmone, noci e olio di noci, semi di lino e semi di chia”, ha concluso Narcisi.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici