COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sindrome dell’intestino irritabile, gli alimenti a cui prestare attenzione

La sindrome dell’intestino irritabile è una condizione che interessa circa il 10% della popolazione, prevalentemente donne.

Si manifesta con sintomi quali stipsi, diarrea, gonfiore e dolore addominale e crampi. Ne parliamo con gli specialisti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia di Humanitas.

Quali sono le cause della sindrome dell’intestino irritabile?

Le cause possono essere molteplici, giocano certamente un ruolo fattori psicosociali: Il nostro intestino rappresenta il secondo cervello e molte persone tendono a scaricare le proprie tensioni emotive proprio su stomaco e intestino. Questi diventano l’organo bersaglio di somatizzazione di stati ansiosi o di depressione.

Il consiglio per i medici è di rassicurare i propri pazienti, ascoltandoli e aiutandoli a capire il tipo di disturbo che hanno, non facendoli passare per nevrotici perché le ricerche dimostrano che in queste persone vi sono diverse alterazioni a livello sia della flora batterica intestinale che dei neurotramettitori che arrivano al cervello, e tutto questo contribuisce alla presenza dei sintomi. Il consiglio ai pazienti è quello di non spaventarsi, di non sentirsi incompresi e di ascoltare profondamente il proprio corpo, cercando di migliorare la propria qualità di vita psicofisica, ritagliandosi un po’ di tempo per se stessi, a ciò che li fa stare bene e in equilibrio.

Concorrono poi predisposizione individuale, alterazioni della motilità del tratto digestivo, intolleranze e allergie, utilizzo cronico di farmaci antibiotici e stress.

Gli alimenti da evitare

Se si soffre di intestino irritabile, è bene evitare alimenti che producono molta fermentazione, come quelli che contengono elevate quantità di fruttosio (ciliegie, mango, pesche, frutta in scatola, frutta essiccata, succhi di frutta); quelli contenenti elevate quantità di fruttani (carciofi, asparagi, cavolini di Bruxelles, broccoli, porri, lenticchie); alimenti ad alto contenuto di galattani (ceci, lenticchie, fagioli e soia) e alimenti a elevato contenuto di polioli (funghi, dolcificanti artificiali come sorbitolo, mannitolo, maltitolo e xilitolo).

Come si effettua la diagnosi e come si interviene?

La diagnosi è clinica e passa anche per l’esclusione di altre patologie che si presentano con sintomi simili, mediante esami specifici. È bene sottolineare che la vera sindrome dell’intestino irritabile non si trasforma mai in una patologia maligna.

Il trattamento è parzialmente farmacologico, in quanto rimedi naturali come la fitoterapia e la medicina complementare come l’agopuntura possono essere di grande ausilio. Gioca poi un ruolo fondamentale lo stile di vita, che comprende non solo una corretta alimentazione, ma anche il contenimento e la decompressione dello stress attraverso lo svolgimento dell’attività fisica, dello yoga o della meditazione. Senza intervenire sul nostro modo di vivere e affrontare la quotidianità, i farmaci hanno un beneficio limitato.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici