COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ecco come si possono curare i linfomi. Parola al Dottor Santoro

Diagnosi precoce, terapie ad hoc: i linfomi oggi fanno meno paura. Negli ultimi anni i progressi nella ricerca hanno fatto crescere enormemente le possibilità di guarigione definitiva , un risultato impensabile fino a qualche anno fa.Ne parliamo con il dottor Armando Santoro, direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia di Humanitas.

 

Innanzi tutto, cosa sono i linfomi?

Sono tumori maligni che colpiscono il sistema linfatico. Questo è formato dai linfonodi, piccole ghiandole localizzate in tutto il corpo, collegati tra loro da una rete di sottili vasi nei quali circola la linfa, un liquido contenente i globuli bianchi (leucociti) che proteggono l’organismo dalle infezioni.
I linfomi si suddividono in linfomi di Hodgkin e non Hodgkin.

Qual è la differenza tra i due linfomi?

Il linfoma di Hodgkin è un tumore che tende a invadere gruppi di linfonodi vicini tra loro (per esempio quelli del mediastino o del collo), senza infiltrarsi nella circolazione sanguigna che può trasportare le cellule tumorali ad altri organi. I linfomi non Hodgkin, invece, tendono a invadere tutto l’organismo e sono quelli più difficili da curare, ma negli ultimi anni la medicina ha fatto passi da gigante.

Come si possono curare i linfomi?

Per i linfomi non Hodgkin le cure tradizionali si basano su un trattamento chemioterapico intensivo, ma ultimamente si guarda con interesse ad altre terapie, soprattutto anticorpi monoclonali e minitrapianti allogenici. Gli anticorpi monoclonali sono anticorpi particolari che impediscono la crescita di proteine specifiche, chiamate antigeni tumorali. Risultati notevoli sono stati ottenuti grazie all’uso di anticorpi monoclonali anti-CD20, e appare molto promettente l’associazione di questo anticorpo con la chemioterapia.
Più specifica, anche se non ancora sperimentata in Italia, è la cura che unisce anticorpi monoclonali con sostanze radioattive. Questa terapia ha fornito risultati entusiasmanti negli Stati Uniti, anche associata all’autotrapianto di midollo osseo. La fase di sperimentazione non è tuttavia ancora del tutto conclusa.

Lei ha parlato anche di minitrapianto allogenico, in cosa consiste?

Si tratta di un trapianto di cellule staminali provenienti dal midollo osseo o dal sangue periferico di un donatore compatibile: qui sono presenti diversi tipi di cellule, tra cui i linfociti T, che possono essere considerati i “guardiani” dell’organismo nei confronti di infezioni e cellule tumorali. Questi linfociti sono infatti in grado di riconoscere le cellule del linfoma come differenti e, quindi, di ucciderle. Il termine minitrapianto indica che i riceventi sono sottoposti a una terapia di preparazione di intensità minore a quanto normalmente effettuato per un trapianto allogenico classico. Nonostante il minitrapianto richieda una terapia di preparazione meno intensa, e quindi una minore tossicità si tratta comunque di un vero e proprio trapianto.
Si può ricorrere a questo trattamento nel caso di pazienti in cui la malattia ricompaia dopo il trattamento convenzionale.

Silvia Di Marco

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici