COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sangue nelle feci: quali sono le cause e cosa fare?

Può capitare di accorgersi, dopo aver evacuato, della presenza di sangue nelle feci. Ciò può succedere per cause molto diverse tra loro e sebbene il sangue possa preoccupare, la sua presenza non rappresenta necessariamente un campanello d’allarme.

Ne parliamo con il professor Alessandro Armuzzi, Responsabile dell’Unità Operativa Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali di Humanitas.

Sangue nelle feci: quali sono le cause?

Quando si nota la presenza di sangue nelle feci, in genere si tratta di un problema nel tratto digerente. In particolare possono esservi:

Il sangue nelle feci può essere legato a diverse patologie, dalle coliti, alle emorroidi, ai tumori del colon-retto.

Cosa fare in presenza di sangue nelle feci?

La presenza di sangue nelle feci non è un segnale da sottovalutare, sia che si tratti di ematochezia (e dunque feci miste a sangue rosso vivo, riscontrabile quando ci si pulisce dopo aver defecato), sia che si tratti di rettorragia (un sanguinamento anale più importante), sia di melena (feci di colore scuro, semiliquide).

In questi casi è sempre bene rivolgersi al medico, che – laddove lo riterrà opportuno – suggerirà gli approfondimenti più indicati e indirizzerà il paziente da uno specialista.

Sangue occulto nelle feci e tumore del colon retto

Il tumore del colon-retto si sviluppa in seguito a una proliferazione incontrollata delle cellule epiteliali della mucosa di rivestimento della parte interna del colon o del retto.

In genere nelle fasi iniziali il cancro del colon-retto è asintomatico. Tra i sintomi da non sottovalutare però figura la perdita di sangue dal retto o la presenza di sangue sulla carta igienica dopo l’evacuazione.

La prima fase di diagnosi del tumore del colon-retto si basa sulla ricerca del sangue occulto nelle feci, un esame di laboratorio da eseguire ogni 2 anni, a partire dai 50 anni di età. Laddove il risultato fosse positivo, al paziente verrà indicata l’esecuzione di una colonscopia, l’esame strumentale in grado di confermare o escludere la presenza di un tumore o di lesioni precancerose (polipi) responsabili della positività del test.

Specialista in Gastroenterologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici