COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Come riconoscere i nei pericolosi?

I nei sono malformazioni benigne della pelle che possono però evolvere in forme maligne, i melanomi. Prevenire questa degenerazione è possibile grazie alla diagnosi precoce, come spiega il professor Antonio Costanzo, Responsabile di Dermatologia in Humanitas e docente di Humanitas University.

Nei pericolosi, come riconoscerli?

“In genere il melanoma è caratterizzato da colori anomali e ha i margini frastagliati. La sua evoluzione verso la forma maligna avviene nel giro di qualche mese. Per questo quando si nota un proprio neo che cambia forma, dimensione e colore bisogna rivolgersi a un dermatologo per accertare la natura dello stesso neo. Lo specialista, attraverso la mappatura dei nei deciderà se asportare il neo, se rimandare l’intervento a un tempo successivo o se tenerlo semplicemente sotto controllo perché si tratta di una formazione assolutamente benigna”.

 

Che cos’è la mappatura dei nei?

 “La mappatura dei nei è l’esame con cui il dermatologo fotografa i nei e dopo averne ingrandito l’immagine ne osserva le caratteristiche confrontandole con quelle della precedente visita. Visto che il tempo medio di evoluzione di un melanoma – da quando si forma a quando diviene pericoloso – è abbastanza diluito nel tempo, eseguendo una mappatura dei nei con cadenza regolare siamo abbastanza sicuri di riuscire a identificare tutte quelle lesioni che stanno evolvendo verso la forma maligna”.

 

Con quale cadenza ci si deve sottoporre alla mappatura dei nei?

“Il consiglio è di eseguire una mappatura dei nei all’anno. Ma in casi particolari, in presenza di una carnagione molto chiara o di soggetti con i capelli rossi che sono maggiormente predisposti a sviluppare il melanoma, la mappatura deve seguire una cadenza almeno semestrale”.

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici