COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Reflusso gastroesofageo, con Lotus metodi di cura a confronto

Si chiama reflusso gastroesofageo ed è una delle malattie croniche in maggiore crescita. Probabilmente a causa dei ritmi frenetici della vita quotidiana che impongono pasti veloci, un regime alimentare decisamente pasticciato e poche ore di sonno, per di più mal distribuite. “Il reflusso gastroesofageo – spiega il dott. Uberto Fumagalli, chirurgo generale di Humanitas – è una malattia cronica il cui sintomo principale è la pirosi ovvero il bruciore retrosternale. Si calcola che il 20-40% della popolazione adulta vada incontro a tale sintomo e che il 7% circa di questi soggetti avvertano tale sintomo quotidianamente. Nella maggior parte dei soggetti, il disturbo è causato dal reflusso di materiale acido dallo stomaco nell’esofago”.

I sintomi della malattia hanno un impatto negativo sulla qualità di vita del paziente. Attualmente vi sono due alternative terapeutiche:
a) La terapia medica, che si basa fondamentalmente sui farmaci che riducono la secrezione acida gastrica e normalizzando il reflusso acido nell’esofago
b) La terapia chirurgica che si propone di ristabilire una situazione di competenza della valvola esofago-cardiale, impedendo il reflusso acido. L’intervento che viene generalmente eseguito a tale scopo è rappresentato dalla fundoplicatio che oggigiorno viene realizzata in laparoscopia, significativamente meno traumatica per il paziente rispetto all’intervento chirurgico tradizionale.

Quale tra queste metodiche sia quella più efficace a breve e lungo termine e quali siano i risultati che esse hanno in termini di complicanze e qualità di vita non è ancora chiarito in modo inequivocabile.

All’interno di Humanitas, il paziente affetto da malattia da reflusso gastro-esofageo viene indirizzato in percorsi diagnostico-terapeutici che seguono un protocollo condiviso dalle due Unità Operative che si occupano di questa patologia, quella di Gastroenterologia e quella di Chirurgia Generale Mininvasiva; le due modalità di trattamento hanno delle specifiche indicazioni che si basano da una parte sull’evidenza clinico-scientifica ad oggi disponibile sulla malattia, dall’altra sulla significativa esperienza maturata dai due gruppi.

Parallelamente alla conduzione dell’attività clinica, relativa a tale patologia, sono in corso alcune sperimentazioni cliniche che si propongono di chiarire aspetti controversi nel trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo.

Tra questi merita di essere segnalato che Humanitas è stato inserito tra i Centri Italiani in cui condurre una importante sperimentazione multicentrica Europea che si propone di confrontare l’efficacia del trattamento farmacologico a lungo termine con la terapia chirurgica antireflusso in laparoscopia nel controllo della malattia da reflusso gastro-esofageo. Questa sperimentazione, condotta nei Centri Europei di riferimento per questa patologia, darà delle risposte importanti per definire il migliore atteggiamento terapeutico nei confronti del reflusso.
La sperimentazione in Humanitas è coordinata e condotta dal dott. Uberto Fumagalli dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale e Mininvasiva insieme alla dott.ssa Roberta Barbera dell’Unità Operativa di Gastroenterologia, la quale collabora alla selezione dei pazienti e si occupa dell’esecuzione degli studio morfo-funzionali, e l’Ufficio Sperimentazioni Cliniche.

A cura di Walter Bruno

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici