COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Più a lungo dura l’infezione da SARS-CoV-2, maggiore è il rischio di Long Covid

Nuovi risultati dallo studio “Covid Care Program”, che ha coinvolto migliaia di operatori sanitari e dipendenti di Humanitas e Humanitas University dal 2020 a oggi, potrebbero spiegare la capacità dei vaccini di proteggere da Long Covid.

Perché alcune persone continuano a presentare i sintomi di COVID-19 anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia? Oltre ai fattori di rischio già noti – tra cui essere di sesso femminile e soffrire di allergie – emerge l’importanza della durata dell’infezione. 

Lo studio, pubblicato su Clinical Infectious Diseases, è stato coordinato dalla Professoressa Maria Rescigno – Pro-rettrice di Humanitas University e Responsabile del laboratorio di Immunologia delle mucose e microbiota di Humanitas – ed è stato possibile grazie alla collaborazione di oltre 4.500 dipendenti e operatori sanitari di Humanitas, coinvolti tra marzo 2020 e aprile 2022 nell’innovativo progetto di monitoraggio chiamato Covid Care Program.

I vaccini proteggono da Long Covid

“Studiare il Long Covid è particolarmente complesso, non solo per la necessità di seguire in modo continuativo le persone nelle settimane e nei mesi dopo la fine dell’infezione, ma anche per l’eterogeneità delle sue manifestazioni – spiega Maria Rescigno -. Non a caso, il Long Covid viene definito genericamente come il perdurare di almeno un sintomo di COVID-19 – tra cui stanchezza estrema, mal di testa, nebbia cognitiva, perdita dell’olfatto e disturbi al sistema cardiovascolare e respiratorio – per almeno 4 settimane dai primi segnali dell’infezione. In Humanitas questo è stato possibile grazie alla collaborazione dei colleghi e della Direzione Sanitaria”.

Sul ruolo dei vaccini, il nuovo studio conferma le evidenze già riscontrate nella prima pubblicazione scientifica nata dal Covid Care Program e apparsa su Jama a luglio 2022: essere vaccinati con 3 dosi protegge non solo dalle forme gravi di malattia, ma anche da Long Covid. Secondo i dati raccolti, su 100 persone non vaccinate, ben 41 sviluppano Long Covid, mentre tra i vaccinati con tre dosi, solo 16 persone ogni 100 vanno incontro al disturbo. Nello studio del 2022 rimaneva però aperta una domanda fondamentale: perché?

La durata della positività del tampone (e quindi di infezione da SARS-CoV-2) è associata a Long Covid

I dati pubblicati su Clinical Infectious Diseases forniscono una prima risposta: la probabilità di contrarre Long Covid aumenta al crescere della durata della positività al SARS-CoV-2: durata che risulta ridotta in modo sostanziale nelle persone protette dal vaccino.

Il risultato permette di ipotizzare il meccanismo di protezione del vaccino, come emerge anche da un altro recente studio sul Long Covid condotto in Humanitas da Marinos Kallikourdis e Gianluigi Condorelli e pubblicato su Circulation. “Il vaccino protegge da Long Covid perché riduce la durata dell’infezione – conclude Maria Rescigno -. Se il virus è presente all’interno dell’organismo per meno tempo, c’è meno rischio che la risposta immunitaria e infiammatoria scatenata dalla sua presenza si cronicizzi e dia origine a sintomi che perdurano anche in assenza dell’agente scatenante iniziale”. 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici