COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Pieloplastica, i progressi della chirurgia robotica

Il dott. Nicolò Buffi, urologo dell’équipe del prof. Giorgio Guazzoni, responsabile di Urologia e Andrologia di Humanitas, sarà tra i relatori del Congresso annuale dell’Associazione Europea di Urologia (EAU), il più importante a livello europeo, che si svolgerà a Madrid dal 20 al 24 marzo. Sono infatti previsti oltre 10.000 delegati, urologi e ricercatori provenienti da tutto il mondo. Durante il suo intervento, in programma per sabato 21 marzo, il dott. Buffi relazionerà sui più recenti progressi della pieloplastica laparoscopica robot-assistita.

 

 

Che cos’è e come viene eseguita la pieloplastica laparoscopica robot-assistita?

La pieloplastica è un intervento che prevede l’incisione e la rimozione della parte di uretera coinvolta nella stenosi del giunto pielo-ureterale. La successiva sutura delle due estremità risultate dalla rimozione permette all’urina di riprendere a defluire correttamente dal rene, con la scomparsa dei sintomi e la conservazione della funzionalità dell’organo. Un tutore ureterale interno detto stent “doppio J” viene inserito in maniera anterograda o retrograda e rimosso ambulatorialmente a distanza di un mese circa dall’intervento.

 

Che progressi sono stati fatti negli ultimi anni?

In passato la pieloplastica era un intervento a cielo aperto. Dal 1993, è stato introdotto l’approccio per via laparoscopica, che si è progressivamente affermato presso la comunità scientifica, diffondendosi come valida opzione per il trattamento della stenosi del giunto pielo-uretrale, con probabilità di successo pari al 90-95%. Il trattamento viene eseguito con approccio retro e transperitoneale.
Il passo successivo è stata l’introduzione della chirurgia robotica e di tecniche mininvasive per il trattamento della stenosi.
In particolare, l’impiego del Robot da Vinci garantisce i vantaggi di una chirurgia estremamente precisa, con conseguente riduzione del traumatismo tissutale e della degenza post-operatoria. Il chirurgo, fisicamente lontano dal campo operatorio e seduto a una postazione dotata di monitor e comandi, muove i bracci del robot. I trocar vengono introdotti attraverso piccole incisioni e il campo dell’operazione appare tridimensionale sullo schermo, con immagini ferme e ad altissima risoluzione.

 

Come avviene la pieloplastica con piattaforma Single Site?

La piattaforma Single Site è un sistema che, attraverso un’unica incisione a livello dell’ombelico, consente di introdurre nell’addome tutto lo strumentario chirurgico necessario all’intervento. I risultati sono equivalenti a quelli della chirurgia laparoscopica, ma con un effetto estetico decisamente migliore.

 

In conclusione, quali sono i vantaggi della pieloplastica robot-assistita?

I vantaggi della pieloplastica robot-assistita sono:

  • ridotta degenza
  • ridotto dolore post-operatorio
  • rapido recupero
  • risultati chirurgici spesso superiori, grazie alla magnificazione del campo operatorio e alla riduzione del tremore della mano del chirurgo.
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici