COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Perdita dei capelli: quali sono le cause?

Con l’arrivo dell’autunno è comune osservare una maggior caduta dei capelli; nonostante si tratti di un fenomeno del tutto fisiologico, in alcuni casi la caduta dei capelli suscita disagio e preoccupazione.

Ne parliamo con il dottor Michele Cardone, dermatologo di Humanitas.

La perdita dei capelli è un fenomeno estremamente diffuso che colpisce soprattutto gli uomini, ma che si riscontra con una incidenza ingravescente negli ultimi anni anche nelle donne.

Si stima infatti che fino al 60% delle donne abbia sofferto di indebolimento e diradamento della chioma almeno una volta nella vita.

Il capello è un elemento vivente che segue un ciclo della durata media di 2-6 anni, più breve nel maschio e più lungo nella donna. Nell’uomo, al contrario degli altri mammiferi che sono sottoposti a una muta periodica, questa evoluzione ciclica non è sincrona, quindi ogni capello è indipendente dagli altri e si trova in una fase diversa del ciclo.

Tale ciclo di vita e la conseguente crescita del capello avvengono alla velocità di 1-1,5 cm al mese.

Nella vita di un capello possiamo infatti individuare tre fasi in cui il capello nasce e si sviluppa, arresta la sua crescita, infine cade e verrà sostituito da uno nuovo:

  • una fase di crescita chiamata anagen
  • una fase di regressione detta catagen
  • e infine un periodo di riposo detto telogen.

La caduta dei capelli, quando normale, è assolutamente fisiologica.

Generalmente si perdono fino a circa 100 capelli al giorno e bisogna considerare che nelle stagioni primaverili e autunnali c’è un aumento della caduta. Quando però quest’ultima si sbilancia, ovvero la quantità di crescita è visibilmente inferiore rispetto alla quantità di quella che viene persa, o quando addirittura vi sono chiazze glabre, è necessario prendere delle precauzioni e rivolgersi a uno specialista

La perdita dei capelli: le possibili cause

Sono da considerare diversi fattori che portano alla perdita dei capelli. Nel genere maschile e femminile, la caduta dei capelli avviene con modalità differenti: la stempiatura con arretramento della linea frontale è tipica nell’uomo, mentre nella donna interessa diffusamente tutto il vertice del cuoio capelluto. Le cause possono essere molteplici, influiscono in particolare:

  • condizioni particolari di stress per l’organismo, che può essere fisico (periodo post-partum, allattamento, malattie croniche, dimagrimento in poco tempo) o psicologico (separazioni, lutti, ansia);
  • stile di vita (alimentazione carente di proteine, frutta, verdura, legumi, uova o ricca di grassi);
  • alopecia androgenetica (riguarda il 70% degli uomini e il 40% delle donne ad un certo stadio della loro vita);
  • iper e ipotiroidismo (rende i capelli fragili);
  • decolorazioni e tinte frequenti;
  • utilizzo scorretto di phon e piastre;
  • coda di cavallo troppo stretta;
  • stato delle unghie (contengono gli stessi aminoacidi dei capelli). Se si spezzano, sfaldano o fanno fatica a crescere ci potrebbe essere una correlazione;
  • patologie infiammatorie (es. lupus) o autoimmuni (es. alopecia areata).

Dermatologo e visita tricologica

Lo specialista che si occupa di tali problematiche è il dermatologo, specializzato in tricologia, che attraverso una visita tricologica riuscirà ad individuare anomalie che interessano il cuoio capelluto e/o i capelli e le loro cause.

La visita tricologica si articola in più fasi.

Colloquio iniziale ed anamnesi: in questa fase il dermatologo rivolge al paziente una serie di domande volte a verificare il suo stato generale di salute, la presenza di casi di calvizie in famiglia, indaga sull’eventuale assunzione di farmaci, sullo stile di vita (es. mancanza di sonno) e sulle abitudini alimentari.

Esame visivo del cuoio capelluto e dei capelli per accertare la presenza di eventuali diradamenti e anche patologie della cute del cuoio capelluto come dermatite seborroica, psoriasi, follicolite etc.

Tricoscopia: si tratta di un esame microscopico dei capelli e del cuoio capelluto effettuato con una videocamera digitale che permette di documentare e quantificare digitalmente la diffusa perdita di capelli. La metodica permette di osservare i singoli capelli e di individuarne anomalie come disomogeneità dei diametri, alterazioni dei fusti etc.  

La tricoscopia insieme all’esame obiettivo permette di diagnosticare anche forme molto precoci o iniziali di alopecia androgenetica permettendo quindi di intervenire tempestivamente con la terapia adeguata. 

In alcuni casi verranno prescritti accertamenti ematochimici o anche un prelievo bioptico con esame istologico per evidenziare le problematiche scatenanti la caduta, che non di rado sono anche sistemiche.

Perdita di capelli: diagnosi e terapia

Eseguita la visita e gli accertamenti necessari viene emessa una diagnosi e prescritta una terapia medica, rigenerativa o chirurgica, personalizzata in base alle caratteristiche del paziente.

Dermatologia e Venereologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici