COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Novartis BioCamp Italia in rosa, 140 candidature per 34 selezionati. Il 70% sono donne

Candidature da tutt’Italia, oltre 1.566 le pubblicazioni dei giovani ricercatori, 25 giovani ricercatrici: ecco i protagonisti della seconda edizione del Novartis BioCamp Italia in collaborazione con Humanitas.

 

 

Sono 34 i giovani ricercatori, di cui 25 donne, che parteciperanno al Novartis BioCamp Italia 2014, organizzato in collaborazione con Humanitas, in programma dal 15 al 17 dicembre.

L’età media dei partecipanti è 29 anni, tutti con profilo ed esperienze promettenti per la ‘giovane’ ricerca biomedica italiana: gli aspiranti partecipanti sono autori di 1.566 pubblicazioni scientifiche e per 360 di esse ne sono i primi firmatari, un preciso indice di riconoscimento del merito e delle responsabilità, e oltre la metà dei candidati (il 53%) ha già effettuato un’esperienza di ricerca all’estero.

 

“Questa iniziativa è un importante e doveroso segno di attenzione verso i giovani – dichiara il prof. Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas -. La qualità delle domande di partecipazione e dei progetti presentati ci ricorda che abbiamo un capitale umano di qualità e potenzialità molto elevate, che dovremmo mettere nelle condizioni migliori per fare ricerca e contribuire così al progresso delle Scienze e dell’intero Paese.

La produttività della ricerca scientifica italiana è molto elevata, ma il trasferimento all’industria è purtroppo insufficiente, e ciò emerge con chiarezza dal confronto con altri Paesi. Questo BioCamp, iniziativa congiunta di una farmaceutica e di un ospedale che è anche centro di Ricerca ed Università, è un piccolo ma importante segno della direzione da intraprendere”.

 

“Le candidature giunte al Novartis BioCamp Italia ci offrono una fotografia nitida ed estremamente stimolante del valore e della motivazione dei giovani talenti della ricerca italiana”, dichiara Guido Guidi, Head Pharma Region Europe, Novartis. “Il nostro obiettivo è valorizzarli e farli maturare, indirizzandoli verso un percorso di eccellenza internazionale. La formula del workshop si ispira all’unica strategia possibile per raggiungere questo traguardo, privilegiando, accanto all’assoluto valore scientifico, la cooperazione tra i soggetti che sono in grado di promuovere concretamente, dare sbocchi e sostenere l’innovazione: industria privata, università, centri di ricerca d’eccellenza, istituzioni e mondo finanziario”.

 

Il programma del Novartis BioCamp 2014 presenta il mondo della ricerca biomedica da diverse angolazioni: dalla prospettiva dell’industria farmaceutica e da quella degli Istituti di cura e ricerca, come Humanitas. E poi da quella di altri attori, come le società scientifiche o le istituzioni, a livello nazionale e locale.

Durante il workshop interverranno diversi esperti del settore, personalità del mondo accademico e imprenditoriale e rappresentanti delle istituzioni come Mario Calderini, Consigliere per le politiche di ricerca e innovazione del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, Giovanni Leonardi, Direttore Generale della Ricerca e dell’Innovazione in Sanità, Ministero della Salute, e Mario Melazzini, Assessore ad Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia. I giovani ricercatori avranno inoltre la possibilità di confrontarsi con top manager internazionali di Novartis, tra i quali Guido Guidi, Head Pharma Region Europe, e con esperti esterni di livello mondiale, come Alberto Mantovani, direttore scientifico IRCCS Istituto Clinico Humanitas e Armando Santoro, Direttore Humanitas Cancer Center.

 

Ci sarà inoltre una parte dedicata alla creazione e gestione di start-up e alle modalità di finanziamento delle imprese biotech, attraverso l’esame di casi di successo. I partecipanti nel corso di tre giorni saranno chiamati a preparare il progetto di una nuova impresa biotech, che presenteranno a una giuria composta da esperti di Novartis, di Humanitas.

 

Al termine del BioCamp sarà selezionato, per ciascuna delle due aree di ricerca biomedica (immunologia e oncologia) su cui è stata focalizzata la selezione dei partecipanti, il giovane ricercatore partecipante ‘più meritevole’. Ai due vincitori, Novartis assicurerà il supporto finanziario per la partecipazione a un congresso internazionale e per una pubblicazione su un’importante rivista scientifica.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici