COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

La prof.ssa Matteoli nuovo membro dell’EMBO

 

Docente di Farmacologia presso l’Università degli Studi di Milano, responsabile del Laboratorio di Farmacologia e Patologia Cerebrale e Direttrice del Programma di Neuroscienze di Humanitas, la professoressa Michela Matteoli è stata eletta membro della European Molecular Biology Organization (EMBO). Un riconoscimento di altissimo livello che ha raggiunto – oltre alla dottoressa Matteoli – altri 150 ricercatori prevalentemente europei, di cui solo 5 italiani.

 

Nomine importanti che arrivano nell’anno del 50° anniversario dell’EMBO: «Per il 50° anniversario dell’EMBO siamo estremamente lieti di accogliere molti più ricercatori rispetto agli anni precedenti», spiega Maria Leptin, presidente della European Molecular Biology Organization

L’EMBO punta a sostenere i ricercatori di talento nell’ambito delle life sciences e a stimolare lo scambio di informazioni scientifiche, costruendo così una rete di ricerca a livello europeo.

 

La prof.ssa Matteoli in Humanitas studia in particolare l’infiammazione nelle malattie psichiatriche e neurodegenerative. Tra queste sono comprese la schizofrenia, l’autismo e la malattia di Alzheimer. “Che ci sia un nesso tra infiammazione e Alzheimer lo sappiamo già da molti anni – spiega la prof.ssa Matteoli -, per molto tempo però si è pensato che l’infiammazione fosse la conseguenza della malattia, causata dalla morte dei neuroni. In realtà ci stiamo accorgendo che l’infiammazione può essere una delle possibili cause che contribuiscono alla malattia. Sarebbe molto importante dimostrare questo, perché cambierebbe il nostro modo di affrontare il trattamento della malattia”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici