COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

In viaggio con papà

Tutti insieme nella stessa barca: un equipaggio speciale formato da 11 ragazzi, fratelli e sorelle di bambini disabili accompagnati dai loro papà, si imbarcherà martedì 8 settembre per un viaggio molto speciale. Promotori dell’iniziativa Ariel e la Fondazione Tender To Nave Italia.

naveitaliaPartirà da Humanitas, martedì 8 settembre, alla volta del porto di La Spezia, lo speciale equipaggio della Fondazione Ariel: 11 ragazzi (fratelli e sorelle di bambini con disabilità) accompagnati dai loro papà si imbarcheranno su Nave Italia, il più grande brigantino a vela del mondo. Con il progetto “Tutti insieme nella stessa barca” Ariel – Fondazione che si occupa dei bambini affetti da disabilità neuromotoria – intende dedicare uno spazio di svago e di evasione dalla quotidianità a queste famiglie provenienti da tutta Italia. Percorrendo il Golfo di La Spezia e l’Arcipelago Toscano padri e figli verranno coinvolti, durante i 5 giorni di navigazione, in molteplici attività organizzate sia dalla Fondazione Tender To Nave Italia, sia dalla Fondazione Ariel. Gli ospiti collaboreranno anche alle attività di bordo (alzare le vele, tiare le funi, aiutare i cuochi di bordo) e frequenteranno laboratori nautici e creativi (per imparare a fare nodi, preparare una carta nautica, tenere un diario di bordo).

La Fondazione Ariel si interessa da tempo ai fratelli di bambini disabili, organizzando a livello nazionale incontri di formazione dal titolo Dare voce ai Siblings – cosa significa crescere con un fratello disabile. “Gli interventi di sostegno al nucleo familiare sono quasi sempre indirizzati alle mamme e ai loro figli con disabilità – spiega Luisa Mondorio, responsabile operativo della Fondazione Ariel -. Sebbene sia giusto occuparsi in primo luogo della coppia madre-figlio/a, secondo noi è altrettanto importante dedicare spazio e tempo anche agli altri componenti della famiglia, quindi ai papà e ai fratelli. Diventa talvolta difficile per loro condividere le proprie emozioni e spesso trascurano i loro bisogni e desideri.”

Ariel per i bambini
La Fondazione Ariel è un importante punto di riferimento, sul territorio nazionale, per le famiglie dei bambini affetti da paralisi celebrale infantile e disabilità neuromotorie. Nata nel 2003 grazie al sostegno della Fondazione Humanitas e della Fondazione UMANA MENTE, Ariel che ha sede a Fizzonasco di Pieve Emanuele (Mi), sviluppa attività di supporto psicologico e socio-assistenziale alle famiglie, attività di formazione rivolta alle famiglie, al personale medico e paramedico e ai volontari, nonché attività di ricerca.

La Fondazione Tender To Nave Italia
La Fondazione Tender To Nave Italia è stata costituita nel 2007 dallo Yacht Club Italiano e dalla Marina Militare per apportare un contributo a favore del benessere delle persone più deboli della società (bambini, adolescenti, portatori di handicap fisico, psichico, sensoriale, malati e anziani) promuovendo il mare e la navigazione quali esperienze preferenziali di educazione, formazione e terapia. Il cuore della Fondazione è nave Italia, il più grande brigantino a vela del mondo, lungo 61 metri e capace di alloggiare più di 30 persone oltre l’equipaggio (cui provvederà la Marina Militare). La Fondazione è sostenuta dai Promotori Benemeriti Siad, UniCredit Private Banking, Telecom Italia, Fincantieri e Rotary International che hanno creduto in questa grande iniziativa di solidarietà.

A cura della Redazione

 

 

  

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici