COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Gli “angeli” del Day Hospital

“Svolgere l’attività di volontario nel Day Hospital di Humanitas significa avere un ruolo decisamente particolare: diversamente da quanto accade in tutti gli altri reparti, infatti, qui i volontari creano un rapporto speciale non con i pazienti, bensì con i loro accompagnatori”. Così Luisa Mondorio, responsabile dei Volontari della Fondazione, parla della sua esperienza nel Day Hospital di Humanitas.
Luisa Mondorio è una dei volontari “storici” della Fondazione. Fa parte del primo gruppo di persone selezionate e formate nel novembre 2000 e, data la sua particolare predisposizione per gli aspetti organizzativi e relazionali, ha iniziato la sua attività di volontaria nella segreteria del volontariato, occupandosi del Gruppo dei Volontari e diventandone, a poco a poco, il punto di riferimento. Ha seguito la formazione del secondo e del terzo gruppo dei volontari insieme agli altri collaboratori della Fondazione, e ha partecipato alla costituzione del Servizio di Accoglienza per disabili e bambini cerebrolesi. Proprio svolgendo il suo ruolo di coordinamento e di supervisione dei progetti in cui sono coinvolti i volontari, Luisa Mondorio ha seguito da vicino in modo particolare quello del Day Hospital, coadiuvata da Giampietro Mussato, capogruppo degli “angeli del Day Hospital”.

“In questo reparto – spiega – il volontario è ancora di più ‘l’amico speciale’ di chi accompagna i pazienti per un intervento di Day Surgery: fa loro compagnia, li sostiene e dà loro serenità in un momento di ansia e di preoccupazione. Chiacchierando con loro, offrendo un the o un caffè, il volontario aiuta queste persone in attesa a distrarsi e a trascorrere in modo più tranquillo il tempo in cui il paziente rimane nel Day Hospital.
Non solo questo, però. Il volontario svolge, quasi inconsapevolmente, un compito ancora più delicato: accogliere e portare ai responsabili del Day Hospital informazioni e suggerimenti che potrebbero migliorare ulteriormente l’attività svolta dai volontari del reparto e l’interrelazione tra questi, i responsabili del Day Hospital e i parenti, come è avvenuto ultimamente grazie anche alla preziosa collaborazione con la caposala”.

Inizialmente, infatti, continua Luisa Mondorio, il servizio di volontariato nel Day Hospital ha comportato qualche difficoltà. “Non era semplice, per i volontari, relazionarsi nel modo giusto con gli accompagnatori, da una parte, e con il personale medico ed infermieristico dall’altra. Per tranquillizzare gli accompagnatori, senza tuttavia interferire negativamente con il lavoro del personale del reparto, è stato necessario trovare il modo corretto di agire. Importante è stato l’aiuto di Laura Ogliari, caposala del Day Hospital, che ha organizzato un incontro con tutti i volontari del reparto per analizzare i punti critici del servizio e codificare delle regole precise. Abbiamo stilato tre circolari: un’informativa di carattere generale per gli accompagnatori, che spiega i contenuti e le modalità del Day Hospital, e due fogli, uno di regole e uno di consigli utili, per i volontari.

L’incontro con la caposala è stato anche un’occasione per conoscere di più i volontari e le loro problematiche e porre le basi per un rapporto costruttivo con loro, delineando con chiarezza i loro compiti e il loro ambito di attività. Questo perché possano essere effettivamente di aiuto e mai d’intralcio o di ostacolo per il personale medico e infermieristico. Oggi, le difficoltà iniziali sono state brillantemente superate, ed il servizio è apprezzato da tutti”. Attualmente, i volontari che prestano la loro attività nel Day Hospital sono 10, distribuiti su due turni giornalieri (mattina e pomeriggio, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17,30-18), dal lunedì al venerdì.
“La presenza dei volontari in questo reparto, come in tutte le altre degenze – spiega Giuliana Bossi Rocca, segretario generale della Fondazione – è stata richiesta dall’ospedale. Il personale stesso di Humanitas ha collaborato attivamente nei tre corsi di formazione dei volontari e si è sempre reso disponibile per migliorare l’attività dei volontari a favore dei pazienti e dei loro familiari: un chiaro segno, questo, di come la Fondazione sia considerata, a tutti gli effetti, parte integrante della struttura”.

A cura di Monica Florianello

Nella foto: in abito rosso Luisa Mandorio e in abito blu Giuliana Bossi Rocca, Segretario generale della Fondazione Humanitas

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici