COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Gioco e sport per i bimbi con disabilità, un SMS solidale per Fondazione Ariel

Più gioco, sport e divertimento per i bambini con disabilità. È questa la finalità del progetto “Ho dovuto diventare ottimista”, firmato Fondazione Ariel. Per realizzarlo, Ariel ha avviato una campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45507, grazie al quale è possibile donare 2 euro a sostegno dell’iniziativa. Testimonial della campagna è la famosa tata della TV Francesca Valla.

 

 

Che cos’è “Ho dovuto diventare ottimista”?

“Ho dovuto diventare ottimista” è il nome del progetto di Fondazione Ariel, dal 2003 a fianco delle famiglie dei bambini con disabilità. Con questa iniziativa Ariel punta ad agevolare la partecipazione dei bimbi alle attività ludico-ricreative, dal gioco allo sport. La denominazione del progetto è legata a un’affermazione della madre di Ginevra, una bimba di 7 anni affetta da paralisi cerebrale infantile. Da tempo lotta affinché sua figlia possa giocare e divertirsi in città con la stessa facilità dei suoi coetanei, senza doversi necessariamente rivolgere a centri specializzati. Spesso infatti le istituzioni si affiancano alla famiglia per le cure del bambino (visite mediche, esami diagnostici, interventi chirurgici e riabilitazione), ma non offrono sufficienti azioni di sostegno psicologico e sociale per le pari opportunità.

 

Quali sono le attività previste da Ariel?

Nell’ambito del progetto “Ho dovuto essere ottimista”, Ariel ha pianificato numerose attività, da realizzare tra settembre 2015 e giugno 2016:

  • Attività ludicoricreative;
  • Pet teraphy;
  • Seminari di sensibilizzazione e formazione (7 incontri, per circa 700 persone coinvolte tra famiglie, operatori e volontari);
  • Ampliamento del servizio psicologico e di sostegno alla famiglia (per almeno 50 coppie di genitori);
  • Attivazione di un fondo economico per garantire queste attività nel tempo anche ai figli delle famiglie più bisognose.

 

Come realizzare questi progetti?

Per realizzare questi progetti, Ariel ha avviato una campagna di raccolta fondi con sms solidale al 45507, grazie al quale è possibile donare 2 euro dal 12 aprile al 3 maggio.

Per maggiori informazioni, visitare il sito di Fondazione Ariel.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici