COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Futuri papà: i consigli per preservare la fertilità

In Italia il tasso di natalità è molto basso e questo è dovuto a diversi fattori sociali, economici e culturali. Molte coppie che desiderano avere un bambino hanno spesso un’età in cui sempre più spesso si possono incontrare difficoltà, spesso connesse a una riduzione progressiva della fertilità non solo della partner femminile.

Come spiega il prof. Paolo Emanuele Levi-Setti, Direttore del Dipartimento e Responsabile del Fertility Center di Humanitas: “Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal punto di vista riproduttivo possono, in seguito a comportamenti scorretti o per semplice mancanza di conoscenza dei meccanismi del corpo, diventare infertili”. Vediamo dunque alcuni consigli per preservare la fertilità.

I fattori di rischio

Diversi fattori possono concorrere a peggiorare la qualità dello sperma, ne sono un esempio: l’età avanzata, l’abitudine a indossare biancheria intima molto stretta, l’esposizione alle alte temperature, come può accadere a chi frequenta spesso sauna e bagno turco, oppure a chi tiene continuamente il cellulare nella tasca anteriore dei pantaloni o il computer portatile sulle gambe, l’essere sovrappeso o sottopeso, il consumo di droghe o di altre sostanze tossiche, il fumo, una costante deprivazione di sonno.

Un sano stile di vita

Per salvaguardare la qualità spermatica e più in generale la salute di cui lo sperma è spesso lo specchio, è consigliabile:

  • mangiare in maniera corretta, limitando il consumo di carni lavorate e bevande zuccherate o contenenti caffeina
  • mantenere il peso corporeo nella norma
  • dormire a sufficienza
  • avere rapporti sessuali protetti, per scongiurare il rischio di malattie sessualmente trasmissibili
  • praticare costante attività fisica
  • non fumare
  • proteggere i testicoli dall’esposizione al calore o ad agenti chimici.

 

Se il problema riguarda la salute

In alcuni casi, le difficoltà legate alla fertilità sono dovute a problemi di salute, come disturbi a carico di ipotalamo e ipofisi, con conseguenti ripercussioni sul funzionamento ormonale, problemi ai testicoli che influiscono sulla capacità degli spermatozoi di raggiungere l’utero, e il varicocele.

La fertilità è messa a rischio anche a causa di anomalie genetiche, come la sindrome di Klinefelter, sindrome di Kallmann, fibrosi cistica e sindrome di Kartagener.

Quando rivolgersi al medico?

Se s’incontrano difficoltà nell’avere una gravidanza, è consigliabile rivolgersi a uno specialista. Come ricorda il prof. Levi-Setti: “Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si può iniziare a parlare d’infertilità di coppia dopo un anno di rapporti liberi senza concepimento. È evidente che questo arco temporale non è che un riferimento di massima, che va tarato sul singolo caso e che deve tener conto di quanto già detto sull’importanza dell’età e di altri fattori. Ma il tempo è una variabile cruciale, prima si accerta l’esistenza di un problema, maggiori probabilità ci sono che un eventuale trattamento abbia esito positivo”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici