COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Distorsioni e fratture di mano e polso: le cause più comuni e i trattamenti

Le mani svolgono una funzione importante non solo nelle attività quotidiane, ma anche per chi pratica sport. La possibilità di incorrere in distorsioni o fratture di mano o polso rappresenta un pericolo (e una preoccupazione) sia per chi pratica sport da contatto, come kickboxing o arti marziali, ma anche le attività motorie in cui le mani sono indispensabili per l’appoggio, come yoga, ciclismo, pilates e crossfit. 

«Sono frequenti i traumi anche negli sport che richiedono l’utilizzo di una palla (basket, pallavolo, beach volley) specialmente quando non si è abbastanza allenati», spiega il dottor Giorgio Pivato, Responsabile di Chirurgia della Mano e Microchirurgia ricostruttiva di Humanitas. «Un pericolo da non sottovalutare, poiché un infortunio alle mani equivale non solo a un’interruzione dell’attività sportiva, ma anche a limitazioni nella vita quotidiana, oltre che al possibile sviluppo di artrosi a mano e polso nel caso in cui il trauma non guarisca bene». 

Quali sono le cause dei traumi?

«Distorsioni e fratture di mano e polso, ma anche tendiniti e patologie infiammatorie sono molto frequenti negli sportivi amatoriali non allenati e inesperti», prosegue il dottor Pivato. L’inesperienza infatti porta a compiere il gesto atletico nel modo scorretto, mentre la mancanza di allenamento e riscaldamento prima dell’attività fisica aumenta il rischio di traumi. Ecco perché, ugualmente a caviglia, ginocchio, anca e spalla, è necessario preparare mani polsi e dita al gesto sportivo con lo stretching e utilizzare le giuste protezioni e supporti nel caso in cui si pratichino sport come kickboxing, volley e basket amatoriale. Anche una conoscenza dei rischi del gesto specifico, come il palleggio nella pallavolo o il pull-up del crossfit può aiutare a prevenire lo sviluppo di traumi. 

Come comportarsi in caso di infortunio a mano, dita o polso

Nel caso in cui due giorni di riposo e applicazione di ghiaccio non bastassero, è importante rivolgersi a uno specialista per una visita ortopedica. Non bisogna infatti sottovalutare i traumi, anche per il ruolo importante che hanno le mani nella vita quotidiana.

Nel caso di fratture a mano o polso, l’alternativa all’ingessatura per chi necessita di tornare alle proprie attività in tempi brevi è l’utilizzo di placche performanti o viti che hanno la funzione di gesso interno. In questo modo il segmento interessato dalla lesione rimane fermo, ma si può muovere la mano nell’attesa della riparazione dell’osso. A questo punto, escluso il sollevamento di pesi e la guida dell’auto, il paziente potrà svolgere tutte le attività; inoltre non svilupperà rigidità articolare perché l’arto non è stato immobilizzato e quindi il recupero dopo il trauma sarà più veloce. I mezzi di sintesi utilizzati nell’impianto inoltre non hanno bisogno di essere rimossi, tanto che il paziente si dimentica di averli; basti considerare che non sono nemmeno rilevati ai controlli negli aeroporti. 

I tutori personalizzati per riprendere ad allenarsi

«Il tempo biologico di riparazione di un trauma alla mano o al polso può richiedere in genere fino a 45 giorni. In attesa della guarigione, sulla base della valutazione dello specialista, è possibile tornare a fare sport con l’uso di tutori personalizzati confezionati come guantini con materiali termomodulabili diversi a seconda che si usino solo di notte o anche di giorno. 

I tutori proteggono e tengono a riposo le strutture coinvolte nel trauma, sostituendosi alle funzioni perse in attesa che le strutture guariscano, come nel caso di lesioni nervose a seguito di una frattura, consentendo però il gesto necessario per una specifica attività, ad esempio il palleggio nel volley. I tutori standard, invece, spesso non lasciano traspirare la pelle, comprimono le strutture della mano o delle dita e non forniscono un reale supporto al gesto dello sportivo», conclude il dottor Pivato.

Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici