COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Deformazioni del torace, un problema non solo estetico

Il pectus excavatum (detto anche petto escavato o petto del ciabattino) ed il suo opposto pectus carinatum (petto carenato) sono due condizioni caratterizzate dalla deformazione congenita della parete toracica anteriore. Normalmente si manifestano poco dopo la nascita e tendono ad aggravarsi durante la crescita, fino a dopo l’adolescenza; una volta raggiunta l’età adulta, il difetto della cassa toracica si stabilizza. Ne abbiamo parlato con il dott. Emanuele Voulaz, chirurgo toracico presso Humanitas.

 

Quali sono le cause del pectus excavatum?

“Il pectus excavatum affligge, con gravità molto variabile, fra lo 0,1% e lo 0,5% dei nati. Le cause non sono ancora state comprese approfonditamente ma è molto probabile che il fattore genetico abbia un ruolo importante, dato che 3-4 pazienti su 10 appartengono ad una famiglia nella quale sono stati presenti anche altri casi” dice il dott. Voulaz.”Sia nel pectus excavatum che nel pectus carinatum si determina una anomala crescita delle cartilagini costali che “spinge” lo sterno rispettivamente verso l’interno o verso l’esterno, deformando la parete toracica. Possono esservi problemi di postura, tipicamente consistenti in spalle arrotondate e curve in avanti e addome lievemente prominente, e – prosegue il dottor Voulaz – nei casi in cui la malformazione è più pronunciata possono esservi scarsa resistenza allo sforzo e difficoltà respiratorie, come asma e infezioni polmonari ricorrenti, o problemi per il sistema cardiovascolare, come aritmie cardiache” . “Oltre all’importante impatto psicologico derivante dal difetto estetico, quindi – conclude il dott. Voulaz – ci sono senz’altro altri buoni motivi per cui questi problemi non dovrebbero essere sottovalutati”.

Quando è possibile intervenire chirurgicamente?

È possibile effettuare l’intervento fin dall’età di 10-12 anni, quando è relativamente più semplice correggere il difetto, e prevenirne le ripercussioni sia fisiologiche che psicologiche. In ogni caso, grazie al miglioramento della tecnica chirurgica, oggi è possibile ottenere risultati molto soddisfacenti anche nei pazienti adulti, anche oltre i 40 anni di età, e anche in casi molto gravi. “In presenza di queste malformazioni è consigliabile affidarsi a uno specialista, che può offrire la miglior soluzione per il caso specifico, tenendo conto sia del fattore estetico che di quello funzionale”, conclude il dott. Voulaz.

Specialista in Chirurgia Toracica

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici