COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cura del tumore al seno, fondamentale l’istituzione delle Breast Unit

Il tumore al seno è una malattia dall’impatto sociale rilevante. Dai dati scientifici è ormai chiaro che affidarsi a una Breast Unit, ovvero a un centro di senologia specializzato e dedicato per la cura di questa neoplasia, influisce in maniera positiva sulla sopravvivenza, con una riduzione significativa della mortalità.

L’Unione Europea, che dal 2003 concentra la propria attenzione anche sulla cura di questo tumore, aveva invitato gli Stati membri a istituire sui propri territori una rete di centri di senologia specializzati entro il 2016. Il Ministero della Salute italiano, per primo in Europa, aveva emanato un decreto nel quale erano contenuti tutti i passaggi organizzativi utili a identificare i criteri di qualità e numerosità per i centri di senologia.

Come sottolinea il dottor Corrado Tinterri, direttore della Breast Unit di Humanitas: “Le Breast Unit certificate sono un esempio positivo di organizzazione sanitaria, con l’obiettivo di garantire a tutte le donne con tumore al seno l’accesso alle cure più efficaci, rispettose delle linee guida internazionali. Si tratta di un’offerta sanitaria elevata che riduca sprechi e ottimizzi le risorse, a favore di una migliore qualità di vita e sopravvivenza”.

Il video-appello di Europa Donna per le Breast Unit

“Il tempo è scaduto”: sottolinea però Europa Donna, il movimento che rappresenta i diritti delle donne nella prevenzione e nella cura del tumore al seno.

Proprio Europa Donna Italia, insieme alle Associazioni femminili e ad alcune Società Scientifiche, ha realizzato un video-appello alle istituzioni, per evidenziare come ci siano ritardi nell’istituzione delle Breast Unit, ritardi che impediscono alle donne di essere curate secondo le indicazioni di legge.

Il video verrà proiettato nel corso di un incontro a Palazzo Montecitorio (Roma) lunedì 29 maggio, nel quale interverranno anche Rosanna D’Antona, Presidente di Europa Donna Italia, e il dottor Corrado Tinterri, Componente del Gruppo di coordinamento per l’implementazione della Rete delle Strutture di Senologia per il Ministero della Salute e coordinatore del Comitato Scientifico di Europa Donna.

 

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici