COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cuffia dei rotatori, le tecniche chirurgiche più avanzate

La cuffia dei rotatori è un insieme di quattro muscoli (con i rispettivi tendini: sottoscapolare, sovraspinato, sottospinato e piccolo rotondo) che concorre al movimento dell’articolazione della spalla e tiene stabile l’articolazione fra la scapola e l’omero. I tendini avvolgono la testa dell’omero proprio come una cuffia e permettono il movimento del braccio.

La cuffia dei rotatori può andare incontro a rottura, un infortunio frequente negli sportivi che per esempio praticano sport di lancio, come tennis e pallavolo, ma anche in alcune categorie professionali, e più in generale, in tutti quei casi in cui il braccio è costretto a compiere determinati movimenti.

Ne ha parlato il professor Alessandro Castagna, Responsabile di Ortopedia della spalla e del gomito in Humanitas, in un’intervista a Tg2 Medicina 33.

La rottura tendinea

“Questi tendini hanno la cattiva abitudine di consumarsi e di rompersi, purtroppo questo avviene molto frequentemente sia per motivi traumatici sia per usura. I tendini possono andare incontro a lesione parziale, che spesso evolve in una rottura totale; può essere coinvolto un singolo tendine, ma queste lesione monotendinea può espandersi fino a diventare bi-tendinea o complessa”, spiega lo specialista.

Quando occorre la chirurgia?

Si considera utile intervenire chirurgicamente in età più giovane, come “Nel soggetto cinquantenne, con una lesione piccola e sintomatica, dato che quella lesione quasi certamente evolverà in una lesione non più trattabile; invece, in un paziente più avanti con gli anni, con un’attività fisica ridotta, la fisioterapia e il trattamento fisico possono essere una buona opzione”, conclude il prof. Castagna.

Per scoprire quali sono le opzioni chirurgiche disponibili, guarda il servizio completo di Tg2 Medicina 33 del 18 aprile, a partire dal minuto 00.55:

 width=

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici