COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

COVID-19: test rapido, come funziona ed efficacia

Per rilevare l’infezione da SARS-CoV-2 il test ritenuto più affidabile e di riferimento, in accordo con le indicazioni fornite dalla Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS), è il test molecolare che viene eseguito su un campione delle vie respiratorie prelevato attraverso un tampone naso-faringeo.

Anche il cosiddetto test rapido antigenico viene eseguito su un campione prelevato mediante un tampone naso-faringeo, o salivare, ma, la modalità analitica utilizzata è differente. I due test non sono dunque sovrapponibili in termini di accuratezza ed affidabilità.

Come funziona il test rapido e quando è indicato? Ne parliamo con il dottor Luca Germagnoli, Responsabile del Laboratorio analisi cliniche di Humanitas.

Come si esegue il test rapido?

Il test rapido antigenico viene eseguito su un campione prelevato tramite tampone naso-faringeo. Con un bastoncino cotonato che viene inserito in ciascuna narice del paziente, l’operatore preleva il materiale biologico che riveste la mucosa del rinofaringe (la parte superiore del tratto respiratorio).

Come avviene in caso di test molecolare, il prelievo viene eseguito in pochi secondi, è minimamente invasivo e non è doloroso, sebbene il paziente possa avvertire una sensazione di fastidio al contatto del bastoncino con la mucosa del naso e del cavo orale.

Come funziona il test rapido e quando è indicato?

Il test rapido antigenico ricerca alcune componenti proteiche del virus (definite “antigeni”) nei campioni prelevati mediante tampone e non il genoma virale o parti di esso, individuabili invece dal test molecolare.

È necessario rilevare che la capacità del test antigenico rapido di rilevare correttamente la presenza di componenti virali di SARS-CoV-2 (sensibilità) è inferiore rispetto a quella del test molecolare in RT-PCR, e questa inferiorità è particolarmente evidente in presenza di ridotte quantità di componenti virali nel campione in analisi. In alcune situazioni, quindi, il test antigenico rapido può fornire dei risultati falsi negativi e non consente di escludere con assoluta certezza la presenza di virus nel campione biologico in esame.

Seppur con estrema rarità, il test antigenico rapido può restituire anche risultati falsamente positivi e, pertanto, in alcune categorie di pazienti, è necessario confermare la positività antigenica con indagini molecolari.

In accordo alle attuali conoscenze scientifiche, le varianti virali circolanti in Italia (inclusa Omicron) non dovrebbero influire sulla capacità diagnostica dei test antigenici, in quanto questi rilevano componenti del virus (la proteina del Nucleocapside, N) interessata solo marginalmente da mutazioni. Occorre però tenere presente che ulteriori mutazioni a livello della proteina N potrebbero emergere nel tempo, e dovranno essere monitorate al fine di valutare l’eventuale influenza sui test antigenici.

Cosa fare se il test rapido è positivo?

Un risultato positivo al test antigenico rapido riporta la presenza di componenti virali di SARS-CoV-2 (proteina del Nucleocapside, N) nel campione biologico analizzato, ed è indicativo di infezione virale attiva. In accordo al Decreto-legge 30 dicembre 2021 , n. 229 – “Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria “– e alla Circolare 30 dicembre 2021, la positività al tampone antigenico rapido è da considerarsi equivalente alla positività al test molecolare in RT-PCR.

I soggetti positivi al test antigenico devono considerarsi pertanto, con infezione da SARS-CoV-2, e sottostare alle medesime norme di segnalazione, isolamento e quarantena dei soggetti risultati positivi al test molecolare.

Cosa fare se il test rapido è negativo?

Un risultato negativo al test antigenico rapido suggerisce l’assenza di componenti virali di SARS-CoV-2 (proteina del Nucleocapside, N) nel campione biologico analizzato, ed è indicativo di assenza di infezione virale attiva. In accordo al Decreto-legge 30 dicembre 2021 , n. 229 – “Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria “– e alla Circolare 30 dicembre 2021, nei contesti comunitari non-ospedalieri la negatività al tampone antigenico rapido è da considerarsi equivalente alla negatività al test molecolare in RT-PCR.

In ambito ospedaliero, la possibile occorrenza di risultati “falsi negativi” (vedi  “Come funziona il test rapido?”) richiede, per alcune tipologie di pazienti e condizioni cliniche, la conferma con test molecolare in RT-PCR dell’eventuale risultati negativo al test antigenico rapido.

In Humanitas viene effettuato il test antigenico con refertazione in 24 ore (entro le 24 del giorno successivo).

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici