COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

COVID-19: i pazienti con malattie cardiovascolari possono vaccinarsi?

I pazienti con malattie cardiovascolari, in caso di contagio da COVID-19, rischiano di incorrere in complicanze maggiori rispetto a pazienti senza patologie pregresse. Si stima infatti che 1 paziente affetto da disturbi cardiovascolari su 5 vada incontro a conseguenze severe dopo aver contratto COVID-19. È molto importante, dunque, che chi è o è stato soggetto a scompensi, infarti e ictus possa avere accesso alla vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2 e che abbia anche a disposizione tutte le informazioni corrette per non farsi influenzare nelle sue scelte dalle fake news riguardanti i vaccini che purtroppo sono circolate negli ultimi mesi.

Il vaccino contro COVID-19 è un prezioso alleato per la salute di tutte le persone affette da patologie cardiache, che devono poter accedere alle vaccinazioni in tutta sicurezza. 

Approfondiamo l’argomento con il professor Giulio Stefanini, cardiologo in Humanitas e docente di Humanitas University.

I pazienti con malattie cardiovascolari possono vaccinarsi?

“I pazienti con problemi cardiovascolari hanno un rischio maggiore di sviluppare delle complicanze dopo aver contratto COVID-19. Per questo non solo è sicuro vaccinare le persone affette da patologie cardiache ma, considerando i fattori di rischio, è ancora più opportuno che questi pazienti si sottopongano alla vaccinazione”, spiega il professor Stefanini.

Vaccini e farmaci per il cuore: non c’è alcuna interazione

I pazienti con malattie cardiovascolari assumono regolarmente farmaci per gestire la propria patologia. Il vaccino può interferire con queste terapie? 

“No, non vi sono interazioni: il vaccino è efficace anche per i pazienti che assumono farmaci per mantenere sotto controllo la salute del proprio cuore e, allo stesso modo, i farmaci non riducono la loro efficacia per colpa del vaccino.

Per quanto riguarda, nello specifico, la terapia anticoagulante, si tratta sicuramente di una tipologia di farmaci che aumenta il rischio emorragico. Considerando che il vaccino contro COVID-19 viene somministrato tramite iniezione intramuscolare sulla spalla, i pazienti sotto terapia anticoagulante hanno un rischio maggiore di sviluppare un ematoma nella sede dell’iniezione. Consiglio quindi di sottoporsi al vaccino prima della somministrazione giornaliera della terapia anticoagulante e, una volta effettuato, di eseguire una impressione del sito di puntura per almeno cinque minuti. 
In ogni caso si tratta di una complicanza a livello locale, che non presenta assolutamente rischi per la salute del paziente”, prosegue il professore. 

Anche i pazienti con patologie cardiovascolari sono stati inclusi nella sperimentazione dei vaccini

Alcuni pazienti temono che il vaccino possa contribuire a un peggioramento delle patologie cardiocircolatorie. Esistono dei dati che smentiscono questo timore?

“I pazienti con malattie cardiocircolatorie che stanno per sottoporsi al vaccino per COVID-19 possono stare assolutamente tranquilli: il vaccino non ha nessun effetto negativo sulla patologia. Durante le fasi di sperimentazione dei vaccini sono stati infatti inclusi anche pazienti con patologie cardiocircolatorie ed è stata dimostrata l’efficacia e la sicurezza di questi vaccini”, approfondisce lo specialista. 

Ipertensione, aritmie e vaccino

Parliamo dei pazienti che soffrono di ipertensione e aritmie, il vaccino contro COVID-19 è sicuro anche per loro?

“Sì, anche questi pazienti possono vaccinarsi in completa sicurezza. Anche in questo caso sono stati raccolti dati consistenti che indicano come le persone affette da ipertensione e aritmia rischiano di avere delle complicazioni da COVID-19 più severe. Si tratta dunque di una categoria di pazienti che può trarre particolare beneficio dalla vaccinazione (che, è il caso di ripeterlo, non ha nessuna interazione con la terapia farmacologica)”, continua il professore. 

Il vaccino può interferire con le operazioni chirurgiche?

Non c’è nessuna interazione tra il vaccino e un intervento chirurgico, come la sostituzione di una valvola mitralica, un bypass, o un’angioplastica e, dunque, non c’è nessun motivo per ritardare il vaccino a causa di interventi programmati. In generale consiglio ai miei pazienti di vaccinarsi non appena se ne presenta l’opportunità”, spiega lo specialista.

La vaccinazione: un alleato per potenziare la risposta immunitaria

Pazienti che hanno contratto COVID-19 hanno riportato un indebolimento del cuore a seguito della malattia. È opportuno che i pazienti ormai guariti da COVID-19 si vaccinino, oppure sono sufficienti gli anticorpi naturali che si sono sviluppati con la malattia?

“COVID-19 può avere degli effetti anche sulla salute del cuore, indebolirlo e ridurne la capacità di svolgere il compito per cui è deputato. Considerando anche questo aspetto, dunque, la vaccinazione protegge una categoria di pazienti sicuramente più fragili. 
Per quanto riguarda coloro che hanno già contratto COVID-19, invece, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha indicato chiaramente che non vi sono controindicazioni a sottoporsi a vaccinazione. Il vaccino, infatti, in questo caso si limita a potenziare la risposta immunitaria che nel paziente potrebbe già essere presente. 
L’indicazione di massima, comunque, è di dare la precedenza ai pazienti che non hanno contratto COVID-19 e che, dunque, non hanno sviluppato una risposta immunitaria. I soggetti che hanno già sviluppato la malattia dovrebbero dunque ritardare la vaccinazione a un secondo momento, quando vi sarà maggiore disponibilità di vaccini” conclude il professor Stefanini. 

“Arrivano i nostri”: il primo podcast di Humanitas dedicato alla vaccinazione anti COVID-19

Humanitas ha realizzato “Arrivano i nostri”, una serie di podcast dedicati ai pazienti per prepararli alla campagna di vaccinazione nazionale anti COVID-19 rispondendo ai dubbi e alle paure grazie alla voce di medici e ricercatori.

Ascolta il podcast con il professor Giulio Stefanini:

Ascolta “I pazienti cardiologici possono vaccinarsi contro covid-19?” su Spreaker.

Specialista in Cardiologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici