COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

COVID-19: fondamentale il vaccino per i pazienti ematologici

Le persone affette da malattie del sangue, come le leucemie e le mielodisplasie, hanno un sistema immunitario particolarmente debilitato, sia a causa della patologia, sia per via delle terapie a cui sono sottoposti. La pandemia COVID-19 ha messo a dura prova i malati ematologici e il vaccino contro il virus SARS-CoV- 2 può essere un prezioso alleato per questi pazienti. 

Ma le persone affette da patologie ematologiche possono accedere alle vaccinazioni in tutta sicurezza o queste presentano qualche fattore di rischio? 

Ne parliamo con il professor Matteo Della Porta, responsabile di sezione Leucemie e Mielodisplasie in Humanitas e docente di Humanitas University.

Vaccino contro COVID-19: nessuna controindicazione per i pazienti ematologici

“Abbiamo a disposizione i dati di uno studio italiano uscito su Lancet Haematology, condotto sul territorio nazionale, per valutare il rischio di complicanze in corso di infezioni sintomatiche da COVID-19 nei pazienti ematologici. Questi dati indicano che il paziente ematologico ha un rischio elevato di sviluppare complicanze in corso di un’infezione sintomatica da COVID-19 e, dunque, è un paziente che, ancora più di altri, necessita protezione

In questo senso ritengo che i pazienti ematologici debbano seguire le raccomandazioni fornite dalle società scientifiche e dal Ministero della Salute rispetto alle campagne vaccinali: non vi è nessuna controindicazione che impedisca a questi pazienti di sottoporsi ai vaccini raccomandati dal piano sanitario nazionale. Inoltre, le società scientifiche di riferimento a livello europeo per i pazienti fragili – e, tra queste, anche le società scientifiche di ematologia – hanno scritto congiuntamente ai Ministri della Salute per dare priorità ai pazienti fragili (tra cui i pazienti ematologici) nella somministrazione del vaccino contro COVID-19”, spiega il professor Della Porta.

Il vaccino contro COVID-19 è utile anche per le persone immunocompromesse

In rete sono state diffuse notizie secondo le quali le persone con malattie del sangue siano troppo immunocompromesse per sviluppare difese efficaci contro COVID-19 e che, quindi, sia inutile che si sottopongano al vaccino. 

“È chiaro che, nei confronti di un nuovo vaccino, si debbano accumulare dati per capire qual è la risposta immunitaria in termini di quantità e durata, in particolare nei pazienti immunocompromessi”, approfondisce lo specialista. “Però porterei come esempio il vaccino stagionale anti-influenzale, che nei pazienti ematologici si è rivelato uno strumento molto utile in termini protettivi contro l’influenza. Non c’è dunque alcun motivo di pensare che questo non si verifichi anche nel caso del vaccino contro COVID-19”. 

Vaccinazione: fondamentale per i familiari dei pazienti ematologici

Familiari e conviventi dei pazienti ematologici devono vaccinarsi o possono astenersi?

“In ambito ematologico abbiamo sempre educato i familiari – soprattutto conviventi – dei pazienti ematologici a seguire le regole di vaccinazione dei pazienti stessi. L’idea è quella di creare attorno al malato una micro-comunità, un micro-gregge immune dai pericoli di infezioni potenzialmente dannose per il paziente. Dobbiamo ribadire questo concetto anche per quanto riguarda il vaccino contro COVID-19: è un dovere morale, oltre che un’azione molto utile, vaccinare i familiari e in particolar modo i conviventi dei nostri pazienti ematologici”, conclude il professor Della Porta.

“Arrivano i nostri”: il primo podcast di Humanitas dedicato alla vaccinazione anti COVID-19

Humanitas ha realizzato “Arrivano i nostri”, una serie di podcast dedicati ai pazienti per prepararli alla campagna di vaccinazione nazionale anti COVID-19 rispondendo ai dubbi e alle paure grazie alla voce di medici e ricercatori.

Il podcast con il professor Matteo Della Porta è disponibile su Spotify e su Spreaker:

Ascolta “Leucemie: i pazienti con il sistema immunitario debilitato possono vaccinarsi?” su Spreaker.

Specialista in Ematologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici